Politica

Forza Italia: «La Regione non mantiene le promesse, Trieste deve uscire dalla Uti giuliana»

Gli assessori: «Le promesse delle Giunta Regionale non mantenute costeranno al Comune di Trieste oltre 8 milioni di euro, una cifra che potrebbe impedire la chiusura del bilancio»

 (© diario di trieste)

(© diario di trieste)

«Le promesse delle Giunta Regionale non mantenute costeranno al Comune di Trieste oltre 8 milioni di euro, una cifra che potrebbe impedire la chiusura del bilancio». Gli assessore di Forza Italia, Angela Brandi, Maurizio Bucci, Lorenzo Giorgi e Michele Lobianco, il capogruppo in consiglio comunale Piero Camber, unitamente alla coordinatrice regionale, Sandra Savino, ed al vicecoordinatore provinciale, Piero Tononi, auspicano l’immediata uscita del Comune di Trieste dalla UTI. «La giunta Cosolini - spiegano gli azzurri - aveva giurato fedeltà a Serracchiani aderendo ciecamente al progetto di legge. Oggi per chiudere il bilancio del Comune di Trieste mancano oltre 8 milioni di euro, trasferimenti che non sono mai arrivati dalla Regione. A questo punto - proseguono - non ha più senso rimanere all’interno di una scatola vuota e subendo oltre al danno anche la beffa. Abbiamo agito sempre nell’interesse dei cittadini, a differenza di chi ci ha preceduto. Con questo stesso spirito, nel ribadire il fallimento della riforma del centrosinistra fortemente voluta dalla Serracchiani, rimarchiamo la necessità di una definitiva presa di posizione del Sindaco nei confronti della Regione affinché vi sia chiarezza sui finanziamenti mancanti che consentiranno di «chiudere» il  bilancio continuando a mantenere i servizi necessari per i propri cittadini» concludono gli esponenti di Forza Italia.