30 maggio 2017
Aggiornato 13:00
25° anno

"Trieste e la sua vocazione marittima e marinara": ecco il percorso delle Giornate FAI di Primavera

Saranno due le sedi prestigiose e significative per la storia, ma anche per il presente marinaro della città, a ospitare le visite straordinarie: il Palazzo del Lloyd Triestino di piazza dell'Unità (ora sede della Giunta Regionale) e l'Istituto Tecnico Nautico

TRIESTE - Cade quest’anno il 25° anniversario dell'istituzione, a livello nazionale, delle «Giornate FAI di Primavera», preziosa occasione di pubblica illustrazione delle bellezze del nostro Paese. E Trieste non si fa certo trovare impreparata. Saranno infatti due le sedi prestigiose e significative per la storia ma anche per il presente marinaro della città ad ospitare le visite straordinarie: il Palazzo del Lloyd Triestino di piazza dell'Unità (ora sede della Giunta Regionale) e l'Istituto Tecnico Nautico. L’iniziativa, che si svolgerà – come in tutta Italia – questo fine settimana è stata presentata dal Comune di Trieste. Richiamandosi al tema scelto per le «Giornate» 2017, ovvero "Trieste e la sua vocazione marittima e marinara", l'assessore Maurizio Bucci ha sottolineato come si tratti di «un tema particolarmente affascinante e sempre ricco di spunti e di fondamentali indicazioni per la nostra città, in quanto non dobbiamo mai dimenticare come il legame di Trieste con il mare rimanga tuttora, e in prospettiva lo potrà essere ancora di più, un legame essenziale di grande impatto economico e di sbocco occupazionale anche per le giovani generazioni».

I dettagli
Significato e dettagli delle Giornate sono stati quindi illustrati dalla Capo Delegazione di Trieste Mariella Marchi. «Il 25 e 26 marzo – ha concluso - il FAI invita tutti in 400 località d’Italia dove, grazie all’impegno di 7.500 volontari e 35.000 «Apprendisti Ciceroni» - ragazzi e studenti che volontariamente svolgeranno questo compito -, saranno aperti oltre 1.000 siti: chiese, ville, giardini, aree archeologiche, avamposti militari, interi borghi. A Trieste invece – come detto, e come ha più dettagliatamente spiegato la responsabile FAI Scuola per il FVG Mirella Pipani - le aperture saranno legate al percorso «Trieste e la sua vocazione marittima e marinara», connettendo appunto il Palazzo del Lloyd Triestino di piazza Unità, già del Lloyd Austriaco e oggi sede della Regione, e l’Istituto Nautico di piazza Hortis. I siti saranno aperti al pubblico dalle 9 alle 18. La convinta adesione del «Nautico» all'iniziativa è stata espressa dal vicepreside Bruno Zvech. Le visite, oltre che in lingua italiana, saranno possibili come di consueto anche in lingua slovena. Solo relativamente al Palazzo del Lloyd, saranno offerte anche in Inglese e in Greco. Per tutte le visite in lingua straniera è richiesta tuttavia la prenotazione scrivendo a: delegazionefai.trieste@fondoambiente.it. Per la prima volta verranno offerte le visite anche a gruppi con disabilità sensoriale (ciechi, ipovedenti e ipoacusici).

Supplemento alla testata giornalistica «Diario del FVG» registrata presso il Tribunale di Udine n. 11/2016 del 14/08/2016