La riapertura

Torrenti: «Il Faro sarà uno dei punti di riferimento del pacchetto turistico e culturale del Fvg»

L'assessore regionale alla Cultura, in occasione della riapertura del Faro della Vittoria di Trieste, ha annunciato alcune novità in merito ad orari di apertura e gestione della struttura

 (© Regione Friuli Venezia Giulia)

(© Regione Friuli Venezia Giulia)

TRIESTE - Un orario più ampio di apertura per dare modo al pubblico di poter accedere alla struttura che è visitabile solo in piccoli gruppi alla volta. Inoltre, la gestione regionale
viene allargata anche al parco circostante, con la possibilità di integrare l'offerta culturale e turistica con percorsi e manifestazioni. Queste le novità annunciate oggi dall'assessore regionale alla Cultura, Gianni Torrenti, in occasione della riapertura del Faro della Vittoria di Trieste, la cui gestione è passata in capo all'Amministrazione regionale a seguito dell'attuazione della
legge sull'abolizione della Provincia.

Gli orari di apertura del faro
Come ha sottolineato lo stesso Torrenti nel salutare i primi visitatori, l'obiettivo è quello, grazie anche al ruolo dell'Ente regionale per il patrimonio culturale del Friuli Venezia Giulia (Erpac), di far diventare il Faro uno dei punti di riferimento del pacchetto turistico e culturale della regione,
oltre che della città di Trieste. L'accesso pubblico al Faro è regolato da una nuova convenzione
sottoscritta lo scorso 31 marzo da Regione, Erpac e dalla Marina Militare. L'assessore, ricordando che il Faro di norma è visitabile tutti i sabati e le domeniche fino alla seconda domenica di ottobre, ha rimarcato l'importanza dell'allargamento dell'apertura alla mattinata (10-13), che va ad integrare quella pomeridiana (15-19). Sono inoltre state convenute alcune aperture straordinarie (orario continuato 10-19) per le festività pasquali (15, 16 e 17 aprile), il 25 aprile, l'1 maggio, il 2 giugno e il 16 agosto.  Infine, in occasione della regata velica Barcolana, il secondo sabato e la seconda domenica di ottobre l'apertura al pubblico è prevista dalle 9.30 alle 17.30. Lo spazio aperto al pubblico arriva fino al secondo anello, dal quale si gode uno spettacolare panorama sull'intero Golfo di Trieste e sul ciglione carsico. L'accesso alla parte operativa del Faro, quella da dove viene proiettato il fascio di luce attraverso dei meccanismi dall'ottica rotante a galleggiamento di mercurio, rimane riservata agli addetti ai lavori.