26 giugno 2017
Aggiornato 14:00
Porto di Trieste

Via della Seta, Serracchiani: «Ripagato lo sforzo della Regione sulle infrastrutture»

La presidente del Fvg ha commentato la volontà della Cina di investire sul potenziamento dei porti di Trieste e Genova

La presidente della Regione, Debora Serracchiani (© diario di trieste)

TRIESTE - Per la presidente della Regione Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, l'impegno assunto dalla Cina, di inserire i porti italiani, in particolare Genova e Trieste, tra quelli sui quali investire come terminali della via della Seta «non viene a caso, ma si fonda su una serie di azioni in campo internazionale che la Regione ha intrapreso per essere parte del progetto della Via della seta». Come riporta l'Ansa, Serracchiani ha ribadito il fatto che «viene ripagato lo sforzo compiuto in questi anni sulle infrastrutture e sul Porto di Trieste che ha saputo risollevarsi e assumere una posizione di leadership in Italia e non solo». Il presidente della Cina, Xi Jingpin - come riferito dal Presidente del Consiglio dei Ministri, Paolo Gentiloni - ha espresso la volontà della Cina di investire in particolare sul «potenziamento dei porti di Trieste e Genova, collegati ai corridoi ferroviari e stradali con il cuore dell'Europa».