26 giugno 2017
Aggiornato 14:00
visita guidata

Il Comune apre le porte al pubblico: presentata l'iniziativa "VisitiAMO il Municipio"

Un percorso guidato per avvicinare i cittadini alle istituzioni che quest'anno prevede la visita guidata alla Sala del Consiglio, alla Galleria dei Sindaci e per la prima volta all'Archivio Generale

TRIESTE - E' stata presentata dall'assessore comunale alla Comunicazione Serena Tonel l'iniziativa «VisitiAMO il Municipio» che 'apre' le porte del Comune al pubblico nella giornata di sabato 27 maggio, dalle 9.30 alle 13. Un percorso guidato per avvicinare i cittadini alle istituzioni che quest'anno prevede la visita guidata alla Sala del Consiglio, alla Galleria dei Sindaci e per la prima volta all'Archivio Generale, nonché, novità del 2017, l'illustrazione del dipinto di Hans Makart collocato nel Salotto Azzurro del Palazzo Municipale. All'incontro hanno partecipato Romana Meula, direttrice delle Risorse Umane con i funzionari Barbara Borsi del Servizio Comunicazione, Barbara Bigi dell'Archivio Generale e Maurizio Lorber, funzionario dell'Area Cultura e storico dell'arte. «Un percorso che vuole offrire a molti cittadini l'opportunità di entrare, forse per la prima volta, nel 'cuore' della della vita pubblica, nella Sala Consiliare e nelle sale che tutti dovrebbero conoscere, accompagnati da Maurizio Lorber, cui è affidato il compito di far conoscere e apprezzare l'importanza artistica e il significato della costruzione allegorica della maestosa tela di Cesare Dell'Acqua, «La prosperità commerciale di Trieste», commissionata dal Municipio all'artista nel 1875» ha affermato l'assessore Tonel. Oltre alla Sala Consiliare i visitatori, percorrendo parte della Galleria dei Sindaci dove sono esposti i ritratti dei podestà e di tutti i primi cittadini, potranno visitare il Salotto Azzurro, sala di rappresentanza destinata alle visite istituzionali di particolare rilievo».

L'archivio
L'itinerario alla scoperta di alcuni aspetti della storia del Comune e della città, come ha poi annunciato l'archivista Barbara Bigi, prevede anche un passaggio all'Archivio Generale - che all'interno della Sala Studio offre abitualmente un servizio di consultazione al pubblico - dove è conservata tutta la documentazione prodotta dagli uffici comunali a partire dal 1776. Qui esperte del servizio di reference, Paola Ugolini e Valentina Bossi, illustreranno una significativa selezione di carte. Si tratta di disegni dedicati alla Sala del Consiglio e al dipinto di Dell'Acqua, di documenti tra cui i verbali e la corrispondenza relativi all'opera, di volumi volti a illustrare la Piazza Grande, ora dell'Unità d'Italia. 

I dettagli 
Barbara Borsi ha quindi illustrato tutte le modalità per poter partecipare alla visita: all'evento, totalmente gratuito, che è previsto sabato 27 maggio, dalle ore 9.30 alle 13, è necessario prenotarsi e precisamente da mercoledì 17 a giovedì 25 maggio, sia on line, tramite il sistema Eventbrite, sia di persona presso lo sportello dell'URP (via della Procureria 2/A) nei seguenti orari:al pomeriggio, dalle 14.30 alle 17, nelle giornate di mercoledì 17, lunedì 22 e mercoledì 24 maggio; al mattino, dalle 9 alle 11, nelle giornate di giovedì 18, venerdì 19, martedì 23 e giovedì 25 maggio. In entrambi i casi viene rilasciata una ricevuta attestante la prenotazione e l'orario della visita. Verrà richiesta anche una liberatoria che autorizzi il personale del Comune a fotografare i gruppi durante il percorso. Inoltre, ad ogni partecipante, a ricordo della giornata, sarà offerta in omaggio una brochure dedicata ai dipinti di Cesare Dell'Acqua e di Hans Makart. 
Le visite, della durata complessiva di circa 60 minuti, prevedono la suddivisione dei partecipanti in gruppi secondo la seguente articolazione oraria: ore 9.30-10.30 Gruppo A; ore 10.45- 11.45 Gruppo B; ore 12-13 Gruppo C; la fascia oraria 12.00-13.00 del Gruppo C, è dedicata in particolare agli appassionati di smart photography: offre la possibilità di affacciarsi dalle numerose finestre del Consiglio per fotografare la Piazza e il panorama godendo di punti di vista e angolature insolite da pubblicare istantaneamente sui social. Ogni gruppo è formato da non più di 50 persone. I partecipanti, muniti di ricevuta di prenotazione, devono presentarsi in piazza Unità, sotto i portici del Comune, 15 minuti prima dell'orario di accesso loro assegnato. Qui il gruppo, per consentire la miglior gestione del percorso e favorire l'interazione con gli specialisti, viene diviso in due ulteriori sottogruppi, composti da massimo 25 persone: uno inizia la visita dalla Sala del Consiglio, l'altro dall'Archivio Generale.