22 ottobre 2019
Aggiornato 21:00
Spazi per professionisti under 35

Giovani e lavoro, inaugurata la Factory di via Garibaldi

Taglio del nastro per i locali della Banca di Manzano. Zamò: «Isontino luogo ideale per dare sbocco ai ragazzi che escono da università»

GORIZIA - È stato inaugurato Factory Banca Manzano, «laboratorio d’impresa» dedicato agli under 35, che darà la possibilità a otto giovani professionisti di insediarsi, gratuitamente, per un periodo di 12 mesi, nella palazzina di via Garibaldi, proprio accanto alla filiale di Banca Manzano. Gli spazi, - progettati da Valentina Vidoni, Maria del Mar Aroca Aranda e Marzena Ciesielka - sono distribuiti su due piani con uffici, aree relax e sale comuni per consentire, a chi si insedia, di condividere idee e progetti.  Al taglio del nastro della Factory sono intervenuti il presidente di Banca Manzano Silvano Zamò, il direttore Sandro Soldà, il vicesindaco di Gorizia Roberto Sartori, il vicedirettore della Federazione Bcc Fvg Lorenzo Kasperkovitz, il presidente del gruppo giovani di Banca Manzano Carlo Piemonte e il direttore della filiale di Gorizia Stefano Fasan

«Considerati gli ottimi risultati raggiunti con la Factory a Udine – ha commentato il presidente Zamò – abbiamo voluto continuare sulla strada intrapresa dando anche agli under 35 del Goriziano la possibilità di insediare la propria attività in spazi dedicati e gratuiti. Crediamo – aggiunge – che il capoluogo isontino possa essere un luogo ideale per dare uno sbocco in più ai ragazzi che escono dalle facoltà universitarie della città».  A partire dal primo giugno potranno presentare domanda i giovani professionisti con partita Iva tra i 18 e i 35 anni e i titolari di nuove imprese giovanili. Unico requisito richiesto, il fatto di essere soci (o richiedenti soci) della Banca di Manzano. Il bando sarà scaricabile dal sito di Banca Manzano (www.bancamanzano.it). 

«La Factory è una possibilità che offriamo ai ragazzi di costruire il loro futuro in Friuli Venezia Giulia – ha chiarito Piemonte –. Un vero e proprio propulsore d’impresa che tra i suoi plus ha la capacità di creare sinergie e relazioni durature tra chi si insedia e il mondo imprenditoriale. Mi auguro possano arrivare molte richieste», è l’auspicio di Piemonte.