29 marzo 2020
Aggiornato 11:30
Una margherita da 1,5 chilometri

Expo, anche un goriziano per la pizza da record

Il pizzaiolo Antonio Ferraro farà parte del team di settanta pizzaioli italiani che tenterà di strappare il Guinness alla Spagna

GORIZIA - Sabato l’Expo di Milano celebrerà la Festa della pizza, con una margherita da record, lunga 1,5 chilometri. E nel dream team degli aspiranti recordman della Nip (Nazionale italiana pizzaioli), c’è anche un «goriziano», il pizzaiolo Antonio Ferraro, già pluricampione italiano e salito nel 2013 sul tetto del mondo. Ferraro, di origine calabrese ma da 27 anni residente a Gorizia, è nel capoluogo lombardo già da qualche giorno per prepararsi all’impresa: assieme a lui una settantina di altri pizzaioli, arrivati da tutta Italia e pronti a centrare un record tutto da gustare.

L'obiettivo è quello di arrivare a 1.500 metri di pizza, proprio nei padiglioni dell'esposizione universale di Milano, che sabato festeggerà la pietanza italiana in assoluto più nota al mondo. I pizzaioli si metteranno all’opera per circa 18 ore consecutive e utilizzeranno unicamente prodotti italiani: 1.700 chilogrammi di farina (per 2.500 chili di impasto complessivo), 250 chili di olio extravergine d’oliva, 30 chili di lievito Lpz, 1.500 chili di pomodoro e 1.700 chili di mozzarella. Sarà cotta in 5 forni mobili appositamente costruiti, all'interno di 1,5 chilometri di teglie. Per entrare nel Guinness dei primati c'è da battere la Spagna, che qualche anno fa realizzò una pizza da 1.100 metri.