19 novembre 2018
Aggiornato 02:00

Arrivano i treni speciali per Gusti di Frontiera

Quarantadue convogli straordinari collegheranno Trieste, Monfalcone e Udine a Gorizia da venerdì 25 a domenica 27 settembre, per consentire l'afflusso nei giorni della kermesse enogastronomica
La presentazione dell'accordo per i treni speciali per Gusti di Frontiera: da sinistra Gorini, Santoro, Romoli e Bellan
La presentazione dell'accordo per i treni speciali per Gusti di Frontiera: da sinistra Gorini, Santoro, Romoli e Bellan ()

GORIZIA - La Regione, grazie alla collaborazione con Trenitalia, metterà a disposizione una serie di treni speciali per raggiungere Gorizia nei giorni clou di Gusti di frontiera, la manifestazione enogastronomica che lo scorso anno ha portato nel capoluogo isontino oltre 450 mila persone, con una massiccia partecipazione anche da Udine, Trieste e Monfalcone, che da quest’anno saranno collegate al cuore della festa con una serie di convogli straordinari. La partnership è stata presentata oggi dal sindaco di Gorizia, Ettore Romoli, dall’assessore regionale alle Infrastrutture, Mariagrazia Santoro, e dal direttore della Divisione passeggeri regionale di Trenitalia, Simone Gorini. Saranno complessivamente 42 le corse straordinarie che saranno effettuate nelle giornate di venerdì 25, sabato 26 e domenica 27 settembre, in concomitanza con la kermesse goriziana. La Regione per garantire il servizio metterà a disposizione circa 60 mila euro.

Oltre 56 mila posti disponibili
«L’iniziativa che abbiamo presentato mette in luce la sinergia tra le istituzioni - ha spiegato l’assessore regionale Santoro -. Abbiamo accolto la richiesta dell’amministrazione comunale, a cui va il merito di essersi attivata con grande anticipo per strutturare un progetto logistico adeguato a supportare l’evento, di garantire dei treni speciali in tutti e tre i giorni della manifestazione.In questo modo assicuriamo la sicurezza a quanti raggiungeranno Gorizia e vorranno rientrare anche in tarda sera. Inoltre favoriamo un'esperienza di intermodalita' tra le tante soluzioni possibili, che incentiva e rafforza il trasporto ferroviario, facilmente fruibile da giovani e famiglie».
Per il sindaco Romoli, «il ricorso ai treni speciali si è reso necessario, in quanto doveroso trovare mezzi alternativi alle autovetture: già lo scorso anno abbiamo utilizzato il parcheggio della Sdag, ma è fondamentale che Trenitalia ci sia venuta incontro e che la Regione abbia dimostrato la propria vicinanza alla manifestazione per affinare il progetto logistico dell’evento. Ora studieremo formule di incentivazione per spingere all'utilizzo dei treni». Gorini ha spiegato che con l’iniziativa, «saranno messi a disposizione dei viaggiatori diretti a Gorizia 56 mila posti, con 30 addetti di Trenitalia che saranno dislocati sul territorio per assistere e indirizzare i passeggeri diretti a Gusti di Frontiera».

Quarantadue treni speciali
Per il servizio saranno utilizzati treni Md a sette carrozze da 544 posti, Vivalto (con una capienza di 554 unità), Ale 801 da 390 posti e Caf (300 posti). Il primo treno straordinario partirà venerdì 25 settembre da Trieste alle 19.45, per arrivare a Gorizia alle 20.41, con fermate intermedie a Miramare, Bivio d’Aurisina, Sistiana, Monfalcone, Ronchi e Sagrado; la stessa sera partirà dal capoluogo giuliano in direzione della stazione di piazzale Martiri della Libertà un altro convoglio, che lascerà Trieste alle 20.45, mentre alle 22.15 un Vivalto straordinario partirà da Monfalcone per raggiungere Gorizia (arrivo previsto alle 22.41). Due i treni speciali utili ai «pendolari del gusto» triestini per rientrare a casa, quelli che partiranno da Gorizia all’1.05 e un’ora dopo, alle 2.05. Da Udine il primo treno «griffato» Gusti partirà alle 20.30, per raggiungere il capoluogo isontino alle 21.05; alle 22.30 partirà dal Friuli il secondo convoglio speciale, che arriverà a Gorizia alle 23.05, dopo aver toccato le stazioni di Buttrio, Manzano, San Giovanni al Natisone e Cormons. I treni straordinari partiranno sabato 26 settembre da Trieste alle 11.22 e alle 20.45, da Monfalcone alle 14.34, 16.34, 18.34, 20.15, 21.15 e 22.15, da Udine alle 10.45, 14.40, 16.30, 18.30, 20.30 e 22.30; domenica 27 settembre unico treno speciale da Trieste alle 10.04, da Monfalcone convogli straordinari alle 12.34, 14.34, 16.34, 18.34, 20.15 e 21.34.  Per i rientri del sabato, partenza da Gorizia per Trieste alle 1.05 e alle 2.05, per Udine alle 0.15, 1.15 e 2.15. Accanto ai treni speciali, naturalmente, sarà possibile usufruire delle corse normalmente previste dagli orari di Trenitalia.