19 settembre 2019
Aggiornato 21:00
Grande festa sabato e domenica

La «Trieste Opicina Historic» sulle strade del Carso

Alla prova di regolarità per vetture storiche che rievoca la gara di velocità in salita ‘Trieste Opicina’ disputata tra il 1911 e il 1971, prenderanno parte 96 vetture storiche con equipaggi da Austria, Slovenia, Croazia e Germania

TRIESTE - Fa tappa a Opicina, nel pomeriggio di sabato 26 settembre,  la ‘Trieste Opicina Historic’, che attraverserà il Carso triestino, sloveno e goriziano con sosta all’Enoteca regionale dei Colli Orientali a Corno di Rosazzo. Alla prova di regolarità per vetture storiche che rievoca la gara di velocità in salita ‘Trieste Opicina’ disputata tra il 1911 e il 1971, prenderanno parte 96 vetture storiche con equipaggi da Austria, Slovenia, Croazia e Germania.
Ricchissimo il programma di eventi a Opicina: concorsi per le più belle vetrine a tema, fotografico e di video, ex tempore di pittura, mostra fotografica ed esposizione di un centinaio di veicoli storici, bus, moto e mezzi militari d'epoca in via di Prosecco. Centro di Opicina pedonalizzato con apertura straordinaria serale dei negozi fino alle 22. Sia sabato che domenica, inoltre, sono previste corse speciali sulla vettura storica del tram.

La ‘Trieste-Opicina’, definita la ‘Monza in salita’, è stata per 60 anni una delle gare automobilistiche di velocità in salita più veloci e più frequentate d'Europa. Sia i ‘piloti della domenica’ che i più celebrati campioni del volante (Nuvolari, Rindt, Williams, De Adamich, Moretti, solo per citarne solo alcuni) volevano cimentarvisi, per la gioia di un'intera città schierata ai bordi del percorso. L'edizione 2015 della ‘Trieste Opicina Historic’ intende rievocare l'inizio di quella epopea e cioè la prima gara del 1911 che venne animata da piloti leggendari della Belle Epoque come Otto, Kolowrat, Wetzka, Dreher, Nikodem, Bettaque. Momento davvero speciale, dopo il taglio del nastro di venerdì pomeriggio con 200 vetture d'epoca schierate in Porto Vecchio, quello di sabato 26 settembre dalle 16 a Opicina, con l'esposizione di oltre cento auto d'epoca, alcuni mezzi militari (una Jeep Willys degli anni '40 dell'Esercito americano, una motocicletta Dkw Nz 350 dell’Esercito tedesco e manichino con uniforme da carrista italiano della Seconda Guerra Mondiale), due autobus storici  a cura di inBUSclub Trieste (un Fiat 409 De Simon Dsu850 urbano in livrea arancio e un Fiat 309 Menarini Sdm extraurbano in livrea azzurra ancora con targa originale) e dieci motociclette da competizione di grande rarità e mai viste tutte assieme del Motoclub Trieste 1906 e del collezionista Alessandro Altinier, recente vincitore del Concorso di Villa d'Este.

Sono 96 gli iscritti alla gara, a cui si aggiungono una quindicina di espositori tra cui 9 moto, 2 bus e 3 mezzi militari per un totale di 125 veicoli storici a cui si aggiungeranno i mezzi di altri club in visita per quasi 200 esemplari complessivi. La macchina più antica è del 1927, la più giovane una Youngtimer del 1991. Spicca tra queste la Jaguar E-Type coupé conosciuta come ‘l'auto di Diabolik’. Tra le auto veterane si segnalano Humber, Frazer Nash Boulogne, Austin Seven Supersports. Tra le vintage Fiat Balilla Coppa d'Oro, Fiat Balilla Garavini, MG J2, MG YB. Tra le classiche Lancia Aurelia B20 Berlinetta, Alfa Romeo GTA, Fiat 850 Nuerburgring, Fiat 2300 S, Mercedes 190SL, Fiat 124 Abarth, una rarissima Abarth Allemano Ellena 1600, Alpine Renault 1600, moltissime Fiat, Lancia e Alfa, MG, Porsche e Austin Healey degli anni '50 e '60. Tra le Youngtimer, Lancia Delta S4 stradale, Mercedes Cosworth 2.3 16v e TVR Griffith 4 litri. Tra le vetture «senza tempo» sono attesi a Trieste per domenica alcuni esemplari di Maserati. Una curiosità: nonostante le nove vittorie nella Trieste Opicina di velocità prima del 1971, non si è iscritta nemmeno una Ferrari.

Domenica 27 settembre, infine, alle ore 9.30 ancora dalla Centrale Idrodinamica è prevista la partenza della seconda tappa che prevede una sosta al Museo Ferroviario di Campo Marzio dalle 9.45 e prove cronometrate sul Carso triestino e all’Area di Ricerca. Alle 11 ci sarà un passaggio al Montedoro Freetime. Dalle ore 12.30 in poi infine è previsto l'arrivo delle vetture nel centro a Trieste in piazza Verdi, dove avrà luogo la premiazione.