22 ottobre 2018
Aggiornato 23:30

Trieste cede nel finale: gli alabardati perdono a Caserta 13-9

Il +4 finale per i partenopei non rispecchia appieno l’andamento del match, che la Pallanuoto Ts, dopo un inizio difficile, è riuscita a rimettere in equilibrio nei tempi centrali
Sconfitta per Trieste
Sconfitta per Trieste ()

TRIESTE - Sconfitta esterna per la Pallanuoto Trieste nella decima giornata di andata del campionato di serie A1 maschile. Gli alabardati di Stefano Piccardo sono stati superati dall’Acquachiara per 13-9, nel match giocato nella piscina comunale di Santa Maria Capua Vetere (provincia di Caserta) causa l’indisponibilità della ‘Scandone’ di Napoli.

Il +4 finale per i partenopei non rispecchia appieno l’andamento del match, che la Pallanuoto Trieste, dopo un inizio difficile, è riuscita a rimettere in equilibrio nei tempi centrali. E soltanto negli ultimi minuti il divario di gol si è fatto netto. «Il risultato è bugiardo – spiega l’allenatore Stefano Piccardo – non meritavamo di perdere con uno scarto così pesante. E’ stata una partita strana, giocata in un ambiente surreale, in una situazione davvero al limite. Però la squadra ha risposto, i ragazzi hanno fatto bene, sono contento della prestazione. Peccato aver sbagliato l’approccio al match, nei primi minuti eravamo in confusione. Poi nel finale abbiamo pagato la stanchezza».

Sono gli ospiti a sbloccare per primi il risultato, con una rete di Popovic dalla posizione di centroboa. L’Acquachiara si affida subito alle sue stelle, Perez, Stefano Luongo e Korolija, che confezionano le reti che portano i campani sul 4-1 alla fine del primo periodo. La Pallanuoto Trieste potrebbe uscire dalla partita, invece reagisce prontamente. Petronio accorcia sul 4-2, il solito Stefano Luongo scrive 5-2, poi Giacomini in superiorità numerica insacca il 5-3 di metà gara.
Nel terzo periodo si scatena Elez. Il numero 9 alabardato si mette in proprio e firma le due reti che valgono l’aggancio sul 5-5, Grummy sigla il sorpasso (5-6) e da qui in poi è un repentino botta e risposta. Stefano Luongo e Valentino confezionano il 7-6 per l’Acquachiara, un’altra doppietta di Elez spinge Trieste sul 7-8, prima dei due gol dei fratelli Stefano Luongo per il 9-8 dell’ultimo riposo.
Nel quarto periodo per 4’ non si segna, poi il centroboa Marziali firma il +2 (10-8). Un rigore di Elez riporta in scia la Pallanuoto Trieste (10-9) ma gli alabardati sono stanchi e nel finale l’Acquachiara arrotonda con Valentino, Lanzoni e Perez, che sigla il definitivo 13-9 a 5’’ dalla fine, senza che la giuria segnali al giocatore alabardato nel pozzetto di poter rientrare in vasca.

ACQUACHIARA – PALLANUOTO TRIESTE 13-9 (4-1; 1-2; 4-5; 4-1)
ACQUACHIARA: Volarevic, Perez 2, Rossi, Korolija 1, Scotti Galletta, Lanzoni 1, Marziali 1, Tozzi, Gitto, S. Luongo 5, Valentino 2, M. Luongo 1, Lamoglia. All. De Crescenzo
PALLANUOTO TRIESTE: Jurisic, Mezzarobba, Petronio 1, Ferreccio, Giorgi, Giacomini 1, Popovic 1, Rocchi, Elez 5, Berlanga Henriques, Guimaraes 1, Turkovic, Vannella. All. Piccardo
Arbitri: Riccitelli e Scappini
NOTE: nel quarto periodo espulso Gitto (A) per gioco violento; superiorità numeriche Acquachiara 4/13, Pallanuoto Trieste 4/7 + 1 rigore; spettatori 50