22 ottobre 2019
Aggiornato 21:30
Un lavoro di 12 mesi con oltre 100 persone coinvolte

Efficienza energetica: AcegasApsAmga risparmia 1.600.000 Kwh l'anno

Il merito è della realizzazione del Sistema di Gestione Energia che ha ottenuto la certificazione Iso 50001

TRIESTE - Oltre un 1.600.000 di Kwh di energia risparmiati ogni anno, pari ai consumi di circa 600 famiglie. A tanto ammonta il risparmio energetico equivalente che AcegasApsAmga sarà in grado di conseguire a partire dal 2016, grazie alla realizzazione del Sistema di Gestione Energia che ha ottenuto la certificazione Iso 50001 da parte della società indipendente DNV-GL. AcegasApsAmga, una delle più grandi imprese del Nordest con quasi 2.000 dipendenti, diventa così un’azienda più efficiente e ancora più attenta alla sostenibilità. La certificazione è arrivata al termine di un lavoro durato 12 mesi, che ha visto direttamente impegnate oltre 100 persone organizzate in una decina di gruppi di lavoro che hanno coinvolto l’intera azienda.

I consumi di 476 siti passati al setaccio
Durante l’arco del 2015 sono stati passati al setaccio i consumi di tutti i 476 siti di AcegasApsAmga: (uffici, magazzini, impianti di pompaggio, depuratori, stazioni ecologiche, cabine elettriche e metano), individuando i 35 che risultano più energivori e dunque concentrando l’attenzione su questi.
Si sono poi misurati approfonditamente i consumi, non limitandosi al monitoraggio della materia prima consumata (es. gas, energia elettrica), ma analizzando i fattori che quei consumi determinano. Ad esempio, i volumi d’acqua trattata, le condizioni climatiche e di piovosità di un determinato luogo.
Il lavoro di analisi ha consentito di mettere in piedi un vero e proprio cruscotto energetico, che, mensilmente, consente di avere la visione unitaria di tutti i consumi energetici di AcegasApsAmga, a prescindere dalla fonte energetica. Gas, energia elettrica, carburanti per trazione, biogas: ogni fonte è sotto controllo. Il consumo, è misurato sia con le unità di misura proprie di ogni fonte (es. KWh per l’energia elettrica), che in Tep, una misura standard che rapporta ogni consumo energetico alle Tonnellate di Petrolio Equivalenti che sarebbero necessarie per produrre quell’energia.

32 progetti per riduzione consumi già attivi. Dal sistema acquedottistico un grande contributo
Grazie al controllo sui consumi, a nuove forme organizzative e alla formazione del personale (800 ore erogate nei 12 mesi di lavoro), si è potuti passare all’azione. Già oggi sono attivi 32 progetti che mirano alla riduzione dei consumi in tutti gli ambiti di attività dell’azienda. Da alcuni di questi ci si attende un contributo di particolare importanza. Ad esempio dalla distrettualizzazione delle reti acquedotto di Padova e Trieste, che oltre a ridurre le perdite di rete, consentiranno di ottimizzare i consumi delle stazioni di pompaggio. Sempre sul fronte della depurazione, il nuovo depuratore di Servola, che verrà avviato ad inizio 2017, a Trieste è stato progettato tenendo in particolare considerazione i criteri di efficienza energetica. Altri progetti di particolare rilievo sono quelli che riguardano la riduzione dell’energia necessaria all’immissione del gas naturale nelle reti cittadine o l’ottimizzazione dei percorsi dei mezzi per la raccolta dei rifiuti.

Gasparetto: «più sostenibilità ed efficienza, a beneficio delle comunità in cui operiamo»
«La certificazione 50001 ci dà la garanzia che tutte le attività dell’Azienda siano orientate all’efficienza e al risparmio energetico», spiega Roberto Gasparetto, direttore Generale AcegasApsAmga. «Ciò significa, da un lato, un contributo importante alla sostenibilità del nostro operare, e, dall’altro, minori costi di gestione e dunque minori oneri per le comunità che serviamo. Dopo l’ottenimento, a fine 2014, della certificazione sulla sicurezza Iso 18001, la certificazione Iso 50001 rappresenta un ulteriore passo che AcegasApsAmga compie verso l’eccellenza, che per noi significa la tensione verso la cura di ogni dettaglio della nostra azione».