22 ottobre 2019
Aggiornato 21:30
Sabato 16 gennaio, alle 19.30

Il Gruppo Incontro di Trieste in concerto

Il programma si snoderà attraverso pagine del repertorio sacro da Rossini, Schubert, Franck, Saint-Saëns del periodo ottocentesco, per arrivare a Barber, con il famosissimo Adagio eseguito sul testo dell'Agnus Dei, a Refice, Miserachs, Rutter e concludendo con due importanti compositori triestini Giampaolo Coral e Marco Sofianopulo, il cui brano dà il titolo all’evento

TRIESTE - Sabato 16 gennaio, alle 19.30, nella Chiesa Beata Vergine del Soccorso si esibirà il complesso vocale e strumentale Gruppo Incontro di Trieste, con la collaborazione musicale di Nicola Colocci e quella strumentale di Emanuela Colagrossi, Dragana Gaijc (violini), Angelica Groppi (viola), Davide Forti (Violoncello) e Andrea Resce (contrabbasso), diretti da Rita Susovsky. Il programma, intitolato "Il mio bene è star vicino a Dio" (Preghiere in musica), si snoderà attraverso pagine significative e particolarmente suggestive del repertorio sacro da Rossini, Schubert, Franck, Saint-Saëns del periodo ottocentesco, per arrivare a Barber, con il famosissimo Adagio eseguito sul testo dell'Agnus Dei, a Refice, Miserachs, Rutter e concludendo con due importanti compositori triestini Giampaolo Coral e Marco Sofianopulo, il cui  brano dà il titolo al concerto.

Formatosi nel 1971 per iniziativa di alcuni giovani uniti dall'amicizia e dalla passione per la musica, il Gruppo Incontro si è sempre distinto per l'originalità e la particolarità del suo repertorio. Il concerto è inserito nella rassegna corale "Nativitas" organizzata dall'USCI.