22 ottobre 2019
Aggiornato 21:30
Lavori

Via Morelli, al via l'abbattimento dell'edificio pericolante

Entrato nel vivo nel pomeriggio l'intervento di demolizione del caseggiato: domani ancora all'opera le ruspe, poi inizieranno le opere di bonifica del sito. Sabato la festa

GORIZIA - Sono entrati nel vivo oggi i lavori di demolizione dell’edificio pericolante che per quasi un anno ha tenuto in scacco residenti, commercianti e frontisti di via Morelli. Questo pomeriggio, dopo le operazioni preliminari dei giorni scorsi, sono state azionate le ruspe: un potente escavatore cingolato, a colpi di benna, ha iniziato a demolire la parte più a sud dell’immobile, partendo naturalmente dal tetto. Già nella giornata di domani è probabile che il caseggiato, di proprietà della Fabrizio Manganelli srl in liquidazione, venga abbattuto completamente: inizieranno poi i lavori di ripristino dell’area e di rimozione dei detriti, che dovrebbero concludersi entro qualche giorno. Via Morelli potrebbe a quel punto riaprire al traffico la settimana prossima.

Oltre a una piccola folla di curiosi anche il sindaco (e assessore ai Lavori pubblici) Ettore Romoli ha seguito le prime fasi della demolizione dell'edificio di via Morelli: una sorta di liberazione anche per il primo cittadino, che in questi mesi si è speso affinché la Soprintendenza rimuovesse il vincolo di tutela che rendeva impossibile l’intervento di abbattimento dello stabile. Disagi tutto sommato contenuti per i residenti, che si sono dovuti armare di pazienza per gli inevitabili rumori provenienti dal cantiere e per la polvere causata dalle demolizioni del fatiscente immobile, posto all’asta dopo il fallimento della srl che ne deteneva la proprietà. I commercianti sabato festeggeranno la fine dell’incubo con una festa a base di dolci, ljubljanskine e animazione, alla quale sono invitati tutti i cittadini.