25 giugno 2018
Aggiornato 21:00
Cronaca | Martedì 8 marzo

“Il vecchio e il nuovo” presentato lo studio dell'Anmil sulle donne infortunate

Lo scritto punta a mostrare com'è cambiato il ruolo e come si è sviluppata la tutela femminile negli ultimi 50 anni

Il giorno della presentazione dei dati (© Ufficio stampa Anmil)

TRIESTE - «Giornata delle Donne Infortunate»: in occasione dell'annuale incontro promosso dall'Anmil Sezione Territoriale di Trieste, e aperto a tutta la cittadinanza e in particolare alle donne, è stato presentato lo studio «Il vecchio e il nuovo», volto a mostrare com'è cambiato il ruolo della donna e come si è sviluppata la tutela femminile negli ultimi 50 anni e a diffondere i dati Inail relativi agli infortuni delle donne registrati nel 2015 alla presenza dell'Assessore Comunale alla Scuola ed Educazione, Antonella Grim, dell'Assessore provinciale all'Istruzione, Adele Pino, del Vicepresidente Regionale Anmil, Andrea Svic, della Presidente Territoriale Anmil, Anna Mladenic, della Responsabile dell'ufficio territoriale Inail, dottoressa Maria Gabriella Grasso e di una rappresentante del Gruppo Donne Anmil. A livello regionale gli infortuni sul lavoro denunciati dalle donne tra il 2010 e il 2014 sono diminuiti del 19,86% contro una media nazionale del 16,86%. Nello stesso periodo, le Malattie professionali in Italia sono aumentate del 31,19% e nel Friuli Venezia Giulia si è passati dai 335 casi denunciati nel 2010 ai 557 del 2014. In provincia di Trieste (dati però non consolidati) nel 2015 si sono registrati 3609 infortuni, contro i 3852 del 2014, 1588 dei quali a carico di donne.