10 dicembre 2018
Aggiornato 23:30

Trieste vince contro Ravenna

Due punti di platino conquistati dal team allenato da Eugenio Dalmasson, col 74-68 finale che ha risolto la sfida in favore dei biancorossi, grandi protagonisti per tre quarti di match 
Importante vittoria per Trieste
Importante vittoria per Trieste (Pallacanestro Trieste)

TRIESTE - L’Alma-Agenzia del Lavoro Trieste trova una preziosa vittoria contro l’OraSì Ravenna, nell’anticipo di campionato delle 14.15. Due punti di platino conquistati dal team allenato da Eugenio Dalmasson, col 74-68 finale che ha risolto la sfida in favore dei biancorossi, grandi protagonisti per tre quarti di match che hanno però subìto il prepotente ritorno della squadra di coach Antimo Martino, brava a ricucire quasi interamente lo strappo di quindici lunghezze negli ultimi dieci minuti e avendo nelle proprie mani il pallone del possibile pareggio a meno di 60 secondi dalla conclusione.

Un ottimo Nelson da 7 punti consecutivi in avvio permette a Trieste di andare velocemente a +5, sul 9-4. L’OraSì paga dazio in questa fase a causa dei tanti errori al tiro, con gli ospiti costretti ben presto alla doppia cifra di svantaggio sulla tripla di Bossi e il 2+1 ancora di Nelson (15-4). Ravenna rompe l’empasse con la penetrazione di Deloach e una schiacciata di Smith, tuttavia ancora un canestro dalla lunga distanza di Bossi ricaccia a -13 i romagnoli proprio allo scadere del quarto, con l’Alma in vantaggio per 21-8.
La fisicità di Smith in pitturato (due realizzazioni di fila a inizio secondo frazione) permette temporaneamente ai romagnoli di rimanere in scia triestina, seppure la buona mano di Baldasso da lontano regali un nuovo massimo vantaggio a Trieste al 12’ (29-14). L’OraSì torna a far fatica in attacco nei minuti successivi, l’Alma ne approfitta per allungare ulteriormente con Canavesi, Prandin, Bossi e Pipitone, giungendo a +20 sul 39-19, gap limato leggermente da Deloach in conclusione di frazione (41-23).

Trieste è solida anche nel terzo quarto, tenendo a debita distanza la compagine romagnola arrivata provvisoriamente a -15 con la schiacciata di Smith: è una bomba di Coronica, assieme ad altri cinque punti di Bossi (tripla, poi coast-to-coast vincente) a rimettere le cose a posto per i giuliani sul 54-30. Nel momento peggiore del proprio match, l’Orasì rialza la testa e opera un’incredibile rimonta a partire dal 27’, quando le realizzazioni di Raschi e un paio di liberi imbucati da Deloach (56-37) sono il preludio a un sensibile riavvicinamento nel punteggio da parte degli ospiti. Prima il break di 14-6 (62-51 per Trieste a sette minuti dalla fine), poi altri punti pesanti da parte di Deloach (chiuderà la gara a quota 29) spaventano un’Alma in difficoltà, che vede Ravenna arrivare a -2 con una tripla di Masciadri a 180 secondi dalla sirena finale (69-67). I biancorossi di casa sbagliano ancora nelle due azioni consecutive, mandando poi in lunetta Malaventura per due tiri liberi con 42’’sul cronometro: è però solo 1/2 per lui, sul lato opposto Nelson realizza in sospensione e consente il +3 ai giuliani. I successivi errori di Raschi e Deloach, con il successivo 3/4 finale ai liberi di Trieste firmato da Pecile e Bossi, consegna la vittoria all’Alma che raggiunge in classifica proprio l’OraSì a quota 28, andando sul 2-0 negli scontri diretti contro i romagnoli.


Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste - OraSi' Ravenna 74-68 (21-8, 41-23, 58-43)

Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste: Jordan Parks 10 (3/12, 0/1), Stefano Bossi 17 (2/3, 4/5), Andrea Coronica 3 (0/1, 1/2), Enrico Gobbato, Roberto Nelson 20 (6/9, 2/4), Andrea Pecile 7 (2/2, 0/3), Lorenzo Baldasso 6 (0/2, 2/5), Roberto Prandin 4 (1/2 da due), Vincenzo Pipitone 4 (2/2 da due), Matteo Canavesi 3 (1/2, 0/2) N.E.: Gianmarco Gobbato, Andrea Donda. All. Dalmasson
OraSi' Ravenna: Taylor Lynn Smith 15 (7/9, 0/1), Michael Brandon Deloach 29 (6/11, 4/7), Matteo Malaventura 5 (1/4, 0/2), Juan Marcos Casini 3 (0/2, 1/5), Lorenzo Molinaro, Eugenio Rivali 2 (1/2 da due), Andrea Raschi 6 (1/2, 1/4), Stefano Masciadri 8 (1/5, 2/3) N.E.: Sebastiano Manetti, Fadilou Seck, Marco Salari. All. Martino
Parziali: 21-8, 20-15, 17-20, 16-25
Arbitri: Belfiore, Rudellat, Capurro.
Spettatori: 3.220