19 novembre 2018
Aggiornato 00:00

Cambio al vertice del Piemonte Cavalleria

Passaggio di consegne al reggimento esplorante della Julia: al colonnello Alessandro Scano, 94° comandante di ‘Piemonte’, è subentrato il tenente colonnello Stefano Santoro
Il nuovo comandante della Piemonte
Il nuovo comandante della Piemonte (Esercito Italiano)

TRIESTE - Si è svolta nella caserma ‘Guido Brunner’, sull’altipiano carsico triestino, la cerimonia di avvicendamento al comando del reggimento Piemonte Cavalleria.
Al colonnello Alessandro Scano, 94° comandante di ‘Piemonte’, è subentrato il tenente colonnello Stefano Santoro.
Il passaggio di consegne è avvenuto alla presenza del Generale Comandante della Brigata alpina Julia, il triestino Michele Risi, dei rappresentanti delle Istituzioni locali e delle associazioni combattentistiche e d’arma, i quali hanno potuto constatare come Piemonte Cavalleria, dopo il ridimensionamento degli anni passati, abbia di nuovo riacquisito  completamente il ruolo di pedina operativa esplorante.

Nel corso della cerimonia, dopo aver ringraziato gli intervenuti, il colonnello Scano ha tracciato un breve bilancio del proprio periodo di comando, sottolineando la professionalità evidenziata dagli uomini e dalle donne di ‘Piemonte Cavalleria’ in tutte le attività addestrative e operative alle quali hanno preso parte: dall’operazione ‘Strade sicure’ nelle città di Milano, Roma e ai confini nord-orientali alle fasi addestrative necessarie all’incremento degli standard operativi; dalle numerose attività di rappresentanza che coinvolgono il reggimento sul territorio regionale all’approntamento delle unità inviate nei teatri operativi esteri in cui è oggi impiegata la Forza Armata.
Il reggimento, infatti, nel recente passato, ha partecipato con consistenti aliquote di personale alle operazioni di supporto alla pace in Libano, in Afghanistan ed in Mali.

Dal 2014, inoltre, con il passaggio del reparto alle dipendenze della brigata Julia, i militari del ‘cavallino rampante’ hanno potuto ampliare il loro bagaglio professionale con attività addestrative tipiche delle truppe alpine, fattore che gli ha consentito quindi di innalzare ulteriormente  la loro preparazione  militare.
Al colonnello Alessandro Scano, che dopo oltre due anni di intenso lavoro alla guida di ‘Piemonte’ ha lasciato il comando per collaborare alle dirette dipendenze della brigata Julia, è succeduto il tenente colonnello Stefano Santoro. Proveniente dal Centro di simulazione e validazione dell’Esercito a Civitavecchia, l’Ufficiale ha partecipato a numerose missioni all’estero ricoprendo incarichi di comando e di staff. Appartenente al 170° corso dell’Accademia Militare, ha frequentato la Scuola di Guerra ed il corso superiore di Stato Maggiore interforze.

La Cavalleria in azione

La Cavalleria in azione (© Esercito Italiano)

Il nuovo comandante della Piemonte

Il nuovo comandante della Piemonte (© Esercito Italiano)