Sport | 83 a 64 il risultato finale

Trieste batte Jesi: play off sempre pił vicini

I due punti conquistati avvicinano la squadra di coach Eugenio Dalmasson (premiato per le sue 200 panchine in biancorosso) sempre pił alla conquista di un piazzamento per la prossima post-season

La gioia dei 'lui' dopo la vittoria
La gioia dei 'lui' dopo la vittoria (Pallacanestro Trieste)

TRIESTE - L’Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste trova la partita quasi perfetta contro la Betulline Jesi, terz’ultima in classifica: i padroni di casa vincono la sfida della 28°giornata in A2 Est per 83-64, conquistando due punti che avvicinano la squadra di coach Eugenio Dalmasson (premiato per le sue 200 panchine in biancorosso) sempre più alla conquista di un piazzamento per la prossima post-season. 

Buona partenza degli ospiti con Greene e Hunter, per un +6 che si materializza al 2’ (2-8). L’Alma torna subito a stretto contatto con Jesi grazie alla tripla di Bossi e a cinque punti di fila di Nelson, pareggiando i conti a quota 10 in meno di due minuti e mettendo poi la freccia grazie al 5-0 interamente firmato Parks (15-10). Trieste mantiene costantemente il punteggio in proprio favore sino al termine del quarto iniziale, sospinta dalla propria coppia di americani, costruendo poi l'allungo nel finale di frazione con Prandin dalla lunetta e con il rientrante Landi dalla lunga distanza (26-15 alla prima sirena).
Seppure offensivamente la Betulline sia abbastanza precisa dal campo con Maganza, Greene e Battisti, l’Alma-Agenzia è cinica nello sfruttare alcune amnesìe difensive dei marchigiani per mantenersi in doppia cifra di vantaggio a metà di secondo quarto (38-26). Sono capitan Coronica e Stefano Bossi ad allargare ulteriormente il gap (con una tripla a testa) per il provvisorio +16 (44-28), prima di un leggero recupero ad opera di Jesi che, grazie al 4/4 complessivo in lunetta a ridosso dell’intervallo lungo, riesce a chiudere a -14 a metà gara.

I padroni di casa scappano definitivamente via nei primi minuti del terzo quarto: è nuovamente Nelson a diventare il nemico numero uno della Betulline con 5 punti consecutivi, al quale risponde Prandin dalla lunga distanza. Il 56-38 al 25’ diventa 63-45 tre minuti più tardi con il canestro da sotto di Landi, ben servito da Pecile: Jesi prova a scavare un piccolo break in proprio favore con Hunter (due liberi) e la tripla di Battisti, ma il ritardo di tredici punti al 30’ rappresenta il punto massimo del recupero ospite. Con un Pipitone grande protagonista di ultima frazione (7 punti di fila  e 1 assist per l’appoggio al vetro di Coronica), Trieste costruisce un divario importante a sei minuti dalla conclusione sul 76-52. La Betulline può solo che limare leggermente il passivo con Santiangeli e Battisti, la festa è tutta per l’Alma che – a due partite dal termine - conferma il provvisorio 6°posto in classifica.

Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste - Betulline Jesi 83-64 (26-15, 44-30, 65-52)
Alma-Agenzia per il Lavoro Trieste: Jordan Parks 17, Stefano Bossi 13, Andrea Coronica 5, Gianmarco Gobbato 1, Roberto Nelson 15, Andrea Donda, Andrea Pecile 11, Lorenzo Baldasso, Aristide Landi 5, Roberto Prandin 7, Vincenzo Pipitone 7, Matteo Canavesi 2. All. Eugenio Dalmasson
Betulline Jesi: Josh Greene 19, Neiko Hunter 5, Matteo Battisti 5, Simone Lucarelli ne, Marco Maganza 4, Samuele Moretti 2, Paolo Paci 7, Marco Santiangeli 17, Andrea Gennaro Picarelli 2, Ousmane Gueye 3. All.Maurizio Lasi
Arbitri: Galasso, Giovannetti, Capurro.
Spettatori: 3.820