15 novembre 2018
Aggiornato 16:00

Torna la serie A e Trieste va a Roma

I ragazzi di mister Piccardo si giocheranno una fetta importante della salvezza nella Capitale
Torna in vasca la Pallanuoto Trieste
Torna in vasca la Pallanuoto Trieste (Pallanuoto Ts)

TRIESTE - Dopo oltre un mese di pausa, torna il campionato di serie A1 maschile. Sabato 16 aprile, nell’ottava giornata di ritorno del massimo torneo nazionale, la Pallanuoto Trieste sarà di scena al Foro Italico di Roma per affrontare la Vis Nova (si gioca alle 15). Inutile sottolinearlo: si tratta di uno scontro diretto importantissimo, quasi decisivo, nella corsa alla salvezza diretta.

Si ritorna in acqua dopo oltre un mese di stop
Quelle coincise con la lunga sosta (final-four di Coppa Italia, Pasqua e poi il preolimpico) sono state settimane di intenso lavoro in casa Pallanuoto Trieste. Il gruppo di Stefano Piccardo ha disputato prima una serie di utilissime amichevoli a Budapest, poi ha ospitato la nazionale del Giappone per un probante common-training. La squadra è apparsa in buone condizioni di forma e pare aver recuperato il ritmo-gara, l’ultima partita ufficiale è datata 12 marzo, ma come spesso accaduto in questa stagione, non mancano i contrattempi. Grummy Guimaraes è rientrato nella serata di giovedì a Trieste dopo quasi un mese di lavoro con il Brasile e le sue condizioni sono tutte da valutare, considerato che ha accusato qualche malanno fisico. Il suo impiego con la Roma Vis Nova è in forte dubbio. Qualche piccolo problema pure per Jacopo Giacomini, bloccato un paio di giorni dall’influenza.
«Non so se Grummy sarà in grado di scendere in acqua – spiega l’allenatore della Pallanuoto Trieste Stefano Piccardo – credo decideremo se impiegarlo o meno soltanto nell’immediata vigilia del match. Certo che giocare una partita così importante con una formazione rimaneggiata non è proprio l’ideale, ma siamo pronti a dare il massimo».

A Roma la Pallanuoto Trieste si gioca una fetta importante di salvezza
Il gruppo ha lavorato con grande intensità, le partite di Budapest e poi i tre test amichevoli con il Giappone hanno permesso all’allenatore ligure di mettere alla frusta i ragazzi. «Ci siamo preparati bene – conferma Piccardo – andiamo a Roma sapendo bene che ci attende una partita durissima sotto tanti aspetti. Intanto per le dimensioni della piscina, stretta, da una parte pure si tocca, dove loro si trovano a meraviglia. Poi per la qualità di una squadra come la Vis Nova, che sta giocando un grande campionato e in casa ha messo sotto compagini di alto livello come Savona e Canottieri Napoli. In palio c’è una fetta importante di salvezza, ma non credo che tutto si deciderà al Foro Italico». Detto della probabile assenza di Grummy, e recuperato Giacomini, la formazione che scenderà in vasca sabato è ancora da definire. Elia Spadoni ha finalmente trovato la condizione dopo il lungo stop, il tecnico ligure opererà probabilmente il solito turn-over tra i più giovani del gruppo. In ogni caso, i dubbi sui 13 che affronteranno la Vis Nova verranno sciolti soltanto nella riunione pre-partita.