24 ottobre 2018
Aggiornato 03:30

Monitoraggio dell'aria: Arpa gestirà le centrali vicino alla Ferriera

Si tratta di quella esistente in via Pitacco, la cui strumentazione sarà completamente rinnovata e potenziata, e delle nuove stazioni di monitoraggio di via del Ponticello e di Porto San Rocco a Muggia
La ferriera di Servola
La ferriera di Servola (Diario di Trieste)

TRIESTE - L'Agenzia regionale per la protezione dell'Ambiente (Arpa) ha definito lo schema di accordo da sottoscrivere con Siderurgica Triestina per la gestione delle stazioni di monitoraggio della qualità dell'aria nei pressi della Ferriera di Servola prescritte dall'Autorizzazione Integrata Ambientale (Aia) rilasciata il 27 gennaio scorso (Decreto 96/Amb).

L'accordo prevede che ad Arpa sia affidata la gestione di tre stazioni, attualmente in carico all'Azienda siderurgica. Si tratta di quella esistente in via Pitacco, la cui strumentazione sarà completamente rinnovata e potenziata, e delle nuove stazioni di monitoraggio di via del Ponticello e di Porto San Rocco a Muggia; quest'ultima sarà dedicata al solo campionamento degli Idrocarburi Policiclici Aromatici sulle PM10.
Con l'accordo Siderurgica Triestina si impegna a riconoscere ad Arpa i maggiori costi che sosterrà per la gestione del monitoraggio, che sarà pertanto effettuato con modalità analoghe alle altre stazioni della rete regionale di qualità dell'aria.

Prima della presa in carico, l'Agenzia per l'ambiente accerterà lo stato di funzionalità delle stazioni mediante il proprio personale tecnico. L'accordo specifica, inoltre, che saranno a carico di Siderurgica Triestina anche tutti gli oneri per eventuali nuove strumentazioni necessarie alla realizzazione degli interventi concordati. Parallelamente Arpa potrà installare a proprie spese ulteriori apparecchiature, qualora esse si rendano necessarie per una più puntuale e migliore conoscenza delle condizioni ambientali.
Le nuove centraline saranno inserite nella rete di rilevamento regionale per la qualità dell'aria e i dati rilevati saranno resi pubblici da Arpa con le consuete metodologie tramite il proprio sito internet.