21 ottobre 2018
Aggiornato 03:30

Il Fvg non si voterà il lunedì: alle urne solo domenica 5 giugno

Lo ha deciso la Regione. Polemico il consigliere Riccardi (Fi): 'La burocrazia vince sulla democrazia'
In Fvg si voterà in un solo giorno
In Fvg si voterà in un solo giorno (Diario di Trieste)

TRIESTE - In Friuli Venezia Giulia si voterà regolarmente solo domenica 5 giugno. Lo rende noto la Regione, alla luce dell'ipotesi avanzata dal ministro degli Interni Angelino Alfano di tenere aperte le urne in occasione delle prossime elezioni amministrative anche al lunedì mattina, oltre che di domenica.

In Friuli Venezia Giulia la materia elettorale è regolata da norme di legge su cui la Regione esercita una potestà legislativa primaria. Ciò comporta che a differenza del Governo nazionale la giunta regionale non ha su questi aspetti potere di decretazione, ma dovrebbe intervenire sotto il profilo legislativo. In pratica per prevedere la possibilità di votare anche al lunedì mattina sarebbe necessario modificare l'attuale normativa elettorale, ovvero la Legge regionale 5 dicembre 2013, n. 19, la quale all'art. 46 indica che la votazione si svolge dalle 08 alle 22 della sola giornata di domenica.

Considerato che il voto è previsto fra sole tre settimane, che è già stata stampata tutta la modulistica, comprese le istruzioni per il voto, che sono stati definiti i compensi degli scrutatori e tutti gli aspetti tecnici connessi, occorrerebbe una legge con procedimento urgente, che comunque potrebbe essere pubblicata sul Bur solo a fine mese: in sostanza un tour de force pressoché impossibile da portare a termine.
Dunque, anche qualora a livello nazionale si dovesse stabilire che le urne rimangano aperte anche al lunedì, in Friuli Venezia Giulia non cambierà nulla rispetto a quanto annunciato. Nel merito, dalla Regione si esprime fiducia nella consolidata maturità democratica degli elettori del Friuli Venezia Giulia, e auspicio che la partecipazione al voto sia alta e frutto di scelta consapevole.

Il capogruppo di Forza italia in Consiglio regionale, Riccardo Riccardi, ha affidato a Twitter il suo commento sulla vicenda: ‘Il governo ‪#Renzi decide di votare anche lunedì 6 giugno ... In ‪#Fvg no ... burocrazia prima della democrazia ...’