19 ottobre 2018
Aggiornato 06:30

‘Vandalo? No Writer!’: inaugurazione e concerto

Largo Panfili si mostrerà in una nuova veste, risultato di un lungo e articolato processo che ha coinvolto gli Istituti Superiori Deledda-Fabiani, Edilmaster, Galvani-Nautico e Nordio
‘Vandalo? No Writer!’ arriva a conclusione
‘Vandalo? No Writer!’ arriva a conclusione (pixabay.com)

TRIESTE - Ultimo atto martedì 24 maggio per il progetto educativo ‘Vandalo? No Writer!’ che, dalle 17 alle 20, monopolizzerà largo Panfili riqualificato con un’autentica festa di promozione e valorizzazione della cultura di strada. Un evento pubblico di ampio respiro che con la presentazione dei risultati in perfetto stile street-art, l’inaugurazione delle facciate pulite e il concerto rap, coronerà  un lungo e articolato processo che ha coinvolto gli Istituti Superiori Deledda-Fabiani, Edilmaster, Galvani-Nautico e Nordio.

Un utilizzo alternativo di un’area pubblica
L’iniziativa, promossa e finanziata dalla provincia di Trieste, in collaborazione con la Cooperativa Sociale La Collina , darà così vita alla manifestazione finale del progetto alternanza scuola/lavoro, volta a coinvolgere l’intera cittadinanza con la sperimentazione di un utilizzo alternativo di un’area pubblica oggetto di ripulitura recentemente restituita alla città. Un allestimento curato dal responsabile artistico del progetto, il writer professionista di livello internazionale, Federico Duse, fondatore  di Melart che per l’occasione dipingerà il live painiting che verrà assegnato  in premio al miglior freestyler al termine dell’evento. A gestire invece il ring che ospiterà la battaglia rap,  lo scrittore Pino Roveredo insieme ad un personaggio di spicco e di ampio richiamo dalla lunga esperienza di ‘battles’ e di free style a sorpresa. Entrambi gli interlocutori pubblici di fama governeranno i rappers invitati che si sfideranno in quattro battle tematiche, una per ogni traccia re-interpretata e sviluppata dalle scuole negli altrettanti murales ispirati rispettivamente ai concetti di ‘integrazione’(Edilmaster) , di ‘migrazione’  (Nautico-Galvani’), di ‘bellezza - quella che salverà il mondo’ (Nordio) e i dei  ‘paradossi territoriali’  (Deledda-Fabiani).  Si partirà dai quarti di finale con una decina di sfide per decretere il vincitore incoronato a colpi di urla ed applausi del pubblico.