16 giugno 2019
Aggiornato 11:00
Nella graduatoria CENSIS-La Repubblica

Nuovo «colpo» per l’Università di Trieste

Scuola Interpreti e Giurisprudenza ai vertici nazionali. I corsi di laurea del Dipartimento IUSLIT si classificano al primo e al terzo posto
L'esterno della Scuola Interpreti
L'esterno della Scuola Interpreti

TRIESTE – La Scuola Interpreti e Giurisprudenza dell’Università di Trieste ai vertici nazionali. Nella classifica sulla didattica nelle Università, pubblicata nei giorni scorsi da Censis – La Repubblica, i corsi del Dipartimento di Scienze Giuridiche, del Linguaggio, dell’Interpretazione e della Traduzione risultano ai primissimi posti a livello nazionale. 
Per quanto riguarda invece il gruppo linguistico (mediazione linguistica e lingue, e culture moderne), la laurea triennale in comunicazione interlinguistica applicata risulta la migliore in Italia. Il corso di laurea ottiene infatti il punteggio massimo nel campo dei rapporti internazionali, riconfermando la vocazione internazionale che da sempre la contraddistingue.

Sul versante giuridico
Il corso di laurea magistrale in Giurisprudenza sale sul podio, classificandosi al terzo posto. Si tratta di un ottimo piazzamento, che migliora sensibilmente il risultato dello scorso anno quando il corso triestino era risultato al dodicesimo posto. Il risultato è frutto di molteplici fattori, tra cui la razionale struttura data al corso e l'attenzione costante al rapporto tra crediti formativi ed entità dei programmi degli insegnamenti, che permettono allo studente di laurearsi nel pieno rispetto della tempistica quinquennale.