3 giugno 2020
Aggiornato 02:30
Prime premiazioni al festival letterario gradese

Grado Giallo 2016. Ecco i 5 finalisti

In ottobre la procamazione del vincitore, in palio la pubblicazione

GRADO – Il Festival Grado Giallo è alla sua nona edizione e avrà luogo dal 30 settembre al 2 ottobre. Iniziato come punto di incontro tra gli amanti del genere, si è ampliato di anno in anno, estendendosi a cinema e teatro, con attenzione alla cronaca e all’attualità, coinvolgendo scrittori, critici letterari, giornalisti, poliziotti e magistrati. Sarà anche luogo di intrattenimento e animazione culturale, con laboratori creativi per bambini e ragazzi, aperitivi in giallo, le appassionanti cene con delitto, fino a concorsi per aspiranti giallisti o per stimolare la creatività di negozianti, gestori e ristoratori di tutta l’isola.

Nell’ambito del festival si inserisce anche il Premio Letterario nazionale «Grado Giallo», alla sua quinta edizione e con tema ‘Spie’, lanciato dai Gialli Mondadori e dall’Isola del Sole per gli autori di racconti inediti thriller, polizieschi e noir. La cerimonia di premiazione avverrà sabato 1 ottobre 2016 alla presenza dell’Editor dei Gialli Mondadori, Franco Forte. La giuria, composta da Elvio Guagnini, Cecilia Scerbanenco e lo stesso Franco Forte, ha selezionato tra i 60 racconti partecipanti i cinque finalisti:
Roberto Covaz con il racconto «A credere troppo si muore»
Diego Di Dio con il racconto «Cella numero zero»
Miller Gorini con il racconto «Il collo della bottiglia»
Emanuela Ionta con il racconto «Campi di fragole infiniti»
Francesco Sciacca con il racconto «La scia della lumaca»
Lopera vincitrice sarà pubblicata sul volume della collana Il Giallo Mondadori in edicola proprio nel mese di ottobre.