24 ottobre 2018
Aggiornato 00:30

Svelata l'edizione 2016 di Trieste Next

«Umano Post-Umano» sarà il titolo della rassegna dedicata alla tecnologia e al futuro, che porterà a Trieste 150 tra scienziati, filosofi, antropologi designer e imprenditori.
La presentazione di Trieste Next
La presentazione di Trieste Next (Dobrilla)

TRIESTE – ‘Umano Post-Umano’. E' il titolo della V edizione di 'Trieste Next' (23/25 settembre), evento dedicato alle nuove frontiere della tecnologia e alle conseguenze della robotica sulla vita, aspetti etici compresi. Insomma, possiamo definirci homo technologicus? Vale a dire da organi in provetta ai sex robots, dalla ricerca in oncologia alle diete ‘smart’, fino al ‘diritto all' oblio’, temi che con un centinaio di appuntamenti tra dibattiti, laboratori, performance saranno approfonditi da 150 scienziati, filosofi, antropologi designer e imprenditori.

Tra gli ospiti attesi, Kathleen Richardson, il filoso della scienza Miguel Benasayag, il tecno-guru Rama Gheerawo, Giorgio Vallortigara, Edoardo Boncinelli. Promosso da Università e Comune di Trieste, Regione Fvg, Area Science Park, Sissa e altri, Trieste Next sarà inaugurato venerdì 23 settembre alle 10 dalla presidente Fvg Debora Serracchiani e si aprirà sul rapporto tra ricerca e impresa, BioHighTech Companies' Day (promosso da Alpe Adria Aires), settore che in Fvg riunisce oltre 150 imprese d'innovazione.

Una ‘full ‘immersion’ nel mondo dell’innovazione scientifico-tecnologica a livello mondiale con lectio magistralis, dibattiti, approfondimenti, laboratori, incontri, spettacoli e performance.
L’edizione 2016 di Trieste Next, inoltre, animerà diversi spazi della città di Trieste, ma cuore pulsante della manifestazione rimane la centralissima piazza Unità, che ospiterà la tensostruttura per le attività e i laboratori degli enti di ‘Trieste Città della Conoscenza’.