15 novembre 2018
Aggiornato 03:30

Rashad Becker al festival musicale più eclettico tra Italia e Slovenia

Fino al 28 ottobre musica jazz, ambient ed elettronica con installazioni e performance artistiche

STARANZANO - Il festival Live - Musiche di sconfine, iniziato il 15 settembre e in programmazione fino al 28 ottobre, si propone di creare e mettere in luce la scena dei musicisti creativi dell’area a cavallo tra Italia e Slovenia. Dopo aver organizzato il Brda Contemporary Music Festival a Smartno, in Slovenia, Musiche di sconfine 2016 procede il suo cammino sabato 1 ottobre a Dobialab dalle ore 21:00, Staranzano, dove si terrà il grande evento d’apertura con il live set del molto atteso Rashad Becker, produttore di musica elettronica berlinese e punto di riferimento per la musica elettronica europea nella sua branca più astratta e sperimentale. Una ritmica intrigante, narrative sonore armonicamente dense, ispirate da teorie sociali e dalla fisicità dei corpi. Come sound engineer ha lavorato ad oltre 1200 registrazioni.
Nella scaletta della serata ci sarà anche Slum, nuovo progetto di Davide Andriani e Aleksandar Koruga, un live electronics con synth modulare, computer e samples, e Glue, il nuovo progetto di Manuel Pitton aka Sonic, elettronica analogica con occhio alla sperimentazione ed uno alla melodia.
Accompagnerà la serata Hybrida Light Show con proiezioni ambientali.

Altri appuntamenti del festival
Il 9 ottobre il clarinettista romano Marco Colonna presenta il suo ‘Minorance. A late reflection on the revolutionary art of Fred Ho’ accompagnato alla batteria da Ettore Fioravanti, a due anni dalla scomparsa del grande sassofonista e compositore Fred Ho.
Il 15 ottobre si terrà una serata tutta dedicata alla scena romana dal titolo ‘Roma - NOWhere’, tra gli artisti ospiti Trouble vs glue e Holiday inn, per una serata che andrà dal no wave al noise. 
Il 21 Ottobre in collaborazione e presso il Circolo Eventualmente di Cormons ci immergiamo nei paesaggi sonori per immagini di The mechanical tales e la videortista Eleonora Sovrani (che presenterà un lavoro di riflessione attorno alla Convenzione di Schengen), a cui seguiranno le performance indie low-fi di The Johns e l’electrowave di Vitrea. 
A conclusione della rassegna il 28 ottobre al centro civico di San Martino del Carso, Sagrado andrà in scena la performance Athos a cura di Cosimo Miorelli (live-painting digitale), Eva de Adamo (musica e rumori) e Moreno Miorelli (narrazione). Athos è una performance di racconto multimediale attraverso le remote atmosfere del Monte Athos sulla scia di parole, dipinti e suoni. Tutte le serate sono a ingresso libero.