24 aprile 2019
Aggiornato 04:00
Per iniziativa dell’associazione De Banfield

A Trieste la prima casa in Italia dedicata a chi assiste i malati di Alzheimer

Si chiama Casa Viola, uno spazio d’ascolto e sostegno psicologico. A Trieste, i casi di Alzheimer sono 4 mila
Casa viola. Un sostegno per i familiari dei malati di Alzheimer
Casa viola. Un sostegno per i familiari dei malati di Alzheimer

(ANSA) - TRIESTE - Una casa, la prima del genere in Italia, interamente dedicata alle alle persone, per lo più familiari, che assistono gli anziani colpiti da fenomeni di demenza: è stata inaugurata oggi, a Trieste, per iniziativa dell'Associazione de Banfield, in collaborazione con il Comune e l'Azienda Sanitaria.
Si chiama "CasaViola", come il colore internazionale dell'Alzheimer, e - ha spiegato la presidente dell'Associazione de Banfield, Anna Illy, insieme a Mario Possenti, coordinatore della Federazione Alzheimer Italia - è "un progetto unico e innovativo a livello nazionale".

Dati statistici
Gli ammalati di demenza in Italia - è stato ricordato - sono oltre un milione, per lo più colpiti da Alzheimer (circa 4 mila solo a Trieste) e per ognuno di loro c'è almeno un familiare impegnato nel ruolo del ‘caregiver’.
A queste persone - ha spiegato Illy – ‘CasaViola’ vuole offrire gratuitamente un luogo d'incontro, uno spazio d'ascolto e sostegno psicologico, uno spazio di informazione e formazione e attività di sostegno. (ANSA)