16 luglio 2019
Aggiornato 18:30
Il festival del jazz e dell’enogastronomia

Dieci giorni all'inizio di Jazz&Wine of Peace Festival a Cormòns

Dal 23 al 30 ottobre sul Collio tra Italia e Slovenia e già si va verso il tutto esaurito. Per una settimana le cantine, le dimore storiche, le abbazie risuoneranno con le migliori firme del jazz planetario
Bearzatti e Tinissima Quartet al Jazz Wine and Peace
Bearzatti e Tinissima Quartet al Jazz Wine and Peace

CORMONS - Dal 23 al 30 ottobre, a Cormòns e sul Collio tra Italia e Slovenia, le cantine e le dimore storiche della regione risuonano del miglior jazz nazionale e internazionale e il Friuli Venezia Giulia diventa un punto d'incontro per musicisti di prim'ordine, amanti della musica e dell'enogastronomia di qualità e turisti da ogni parte d'Italia e d'Europa.

Gli ospiti
Oltre 15 i grandi concerti del festival, e tra gli ospiti Jan Garbarek - sassofonista norvegese dalla quarantennale carriera - che nel suo gruppo chiama il ‘mago’ delle percussioni Trilok Gurtu e la stella assoluta della chitarra Bill Frisell che a Cormòns porta ‘When You Wish Upon a Star’, sorprendente progetto che rivisita le più celebri colonne sonore cinematografiche. Dave Holland - storico bassista, tra gli altri, di Miles Davis - sale sul palcoscenico con "Aziza", insieme a Chris Potter, ancia mondiale già Grammy Award. 
E poi la stella cubana del jazz per antonomasia, il pianista Gonzalo Rubalcaba con un omaggio a Charlie Haden, in seconda esecuzione mondiale, e ancora Vincent Peirani che con la fisarmonica esplora miracolosi universi sonori. E poi, decine di artisti europei ed italiani, dai grandi sperimentatori come Ken Vandermark o Rob Mazurek con i São Paulo Underground, fino agli "esploratori dei confini musicali" come il duo Mirra&Mitelli o il duo Matinier e Ambrosini, o i talenti più giovani come Nir Felder o i Pericopes + 1.

Non solo musica
Jazz&Wine non è solo musica: il cinema entra a far parte del festival con un Contest per videomaker (in palio 1500 euro per la produzione di un cortometraggio) e con ‘Esterno/Giorno’ la passeggiata cinematografica in pullman nei luoghi di ‘Zoran. Il mio nipote scemo’ la domenica 30 ottobre (in collaborazione con Casa del Cinema di Trieste). Il Festival èStoria, inoltre, mette a disposizione una visita guidata aPalazzo Locatelli (venerdì 28 ottobre).