12 novembre 2019
Aggiornato 12:30
Sabato 26 novembre

Incontro sulle malattie infiammatorie croniche dell’intestino

L’iniziativa, indetta dall’Irccs Burlo Garofolo, prevede un “question time” informativo tra medici e pazienti su queste patologie invalidanti e sempre più diffuse. Si parlerà della ricerca medica e dei nuovi farmaci biologici
Incontro sulle malattie croniche dell'intestino
Incontro sulle malattie croniche dell'intestino

TRIESTE - Si svolgerà sabato 26 novembre dalle 9.30 all’Irccs Burlo Garofolo (Aula Magna) l’incontro dedicato ai pazienti e ai cittadini che vogliono essere informati relativamente alla gestione e alla cura delle Malattie croniche intestinali. Parte di un programma iniziato a ottobre grazie all’impegno della sezione Friuli Venezia Giulia della Onlus A.M.I.C.I. (Associazione Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino) e di AsuiTs, l’incontro focalizzerà l’attenzione sulla gestione di queste patologie in età pediatrica, che vede la nostra regione all’avanguardia in quanto è la prima in Italia ad aver tenuto conto delle peculiarità in età pediatrica nel Protocollo diagnostico-terapeutico-assistenziale di queste patologie. Tra i punti centrali anche il dialogo e il coordinamento tra la Gastroenterologia pediatrica del Burlo e la Gastroenterologia di Cattinara per la presa in carico dei pazienti che per età passano di competenza dalla struttura per bambini a quella per adulti. Il modello sviluppato a Trieste rappresenta infatti uno dei primi esempi in Italia di gestione concreta di uno dei temi più discussi e ancora in gran parte irrisolti: la transizione delle patologie dall’età pediatrica a quella adulta.


Colite ulcerosa e malattia di Crohn
Le malattie infiammatorie croniche dell’intestino (colite ulcerosa e Malattia di Crohn) sono patologie invalidanti che colpiscono con frequenza crescente le persone di tutte le età. Circa un terzo delle malattie infiammatorie croniche intestinali esordiscono in età pediatrica e in questi ultimi anni si sta registrando un aumento della percentuale di pazienti giovani, colpiti proprio in un momento delicatissimo del loro sviluppo fisico e psicologico, con la prospettiva di convivere con queste malattie per molti decenni.
Si ritiene che oggi in Italia ci siano circa 200.000 ammalati e, sino a quando non saranno state individuate le cause di queste malattie e conseguenti terapie risolutive, il loro numero è destinato ad aumentare. Tutte queste persone vanno incontro a problemi e difficoltà nella vita di tutti i giorni, aggravati da una legislazione che non riconosce abbastanza le malattie croniche gravi e non è sufficientemente sensibilizzata alle problematiche che esse comportano.

L’evento
L’Associazione nazionale per le Malattie Infiammatorie Croniche dell’Intestino (A.M.I.C.I. Onlus), che riunisce i pazienti affetti da queste patologie, organizza l’incontro in collaborazione con la Struttura Semplice di Gastroenterologia del Burlo. Il programma prevede una serie di interventi degli esperti tra i quali lo stato dell’arte sui farmaci biologici per la terapia di queste patologie, l’evoluzione delle ricerche sull’origine genetica e sulla trasmissione della patologia genitore-figlio, l’applicazione del nuovo protocollo regionale. Alla fine delle relazioni è previsto un importante ‘question time’ medici-pazienti-familiari. Tra i temi da sottolineare, la fattiva collaborazione tra Burlo e AsuiTs per il ‘passaggio di consegne’ tra la struttura pediatrica e quella per adulti, una collaborazione necessaria a garantire ai pazienti il miglior servizio e la continuità delle cure