25 settembre 2018
Aggiornato 18:30

La settimana delle Infrastrutture che ha riqualificato il Fvg

Durante l’inaugurazione del Trieste Airport Debora Serracchiani tira le fila di un periodo di grandi iniziative
Debora Serracchiani
Debora Serracchiani (Regione Friuli Venezia Giulia)

TRIESTE - Si è appena conclusa quella che Debora Serracchiani ha definito «La Settimana delle Infrastrutture che ha riqualificato il Friuli Venezia Giulia». Una chiusura in grande stile con l’inaugurazione della nuova area partenze dell'Aeroporto di Ronchi dei Legionari, da oggi proposto alla clientela con il brand internazionale di Trieste Airport. E le novità non sono certo finite: "Partono i lavori per il terzo lotto dell'autostrada A4 e per il polo intermodale dell'aeroporto Fvg – annuncia Serracchiani - che sarà collegato direttamente con una stazione ferroviaria ma non meno importante è la sottoscrizione del protocollo d'intesa con Rfi per la velocizzazione della linea ferroviaria Venezia-Trieste, con un investimento di oltre 400 milioni di euro sul territorio. Siamo arrivati al dunque iniziamo a vedere i risultati".

Bilancio in pareggio
Il piano industriale di Trieste Airport è ambizioso, ma secondo la presidente raggiungibile, con un possibile obiettivo di quasi due milioni di passeggeri all'anno da raggiungere nel 2030.
"Intanto già oggi possiamo dire - ha precisato - che il bilancio è finalmente in pareggio, le perdite sono state ripianate, abbiamo internalizzato nuovamente molte operazioni che erano state affidate all'esterno salvaguardando l'occupazione e – ha concluso - stiamo garantendo una nuova prospettiva di traffici a questo aeroporto che adesso è finalmente un bel prodotto".

Quelli vicino a Venezia
«Il problema del Friuli Venezia Giulia - aveva detto la presidente della Regione - è quello di farsi conoscere e raggiungere. Attraverso queste grandi opere adesso sarà più facile che questo avvenga per evitare di dovere ogni volta spiegare al mondo che siamo quelli vicino a Venezia».
«Ora stiamo operando un grosso sforzo complessivo per attirare ospiti in Friuli Venezia Giulia - ha invece commentato il vicepresidente della Regione, Sergio Bolzonello - il dato di +700mila turisti negli ultimi due anni è un ottimo punto di partenza".