1 giugno 2020
Aggiornato 02:00
Servizio unico in Italia e fiore all'occhiello del FVG

Capigruppo con le lavoratrici precarie dei centri per l'orientamento

Futuro incerto per le nove lavoratrici impiegate nei centri di orientamento permanente dell'Amministrazione regionale. Si cerca una soluzione per salvaguardare la loro professionalità e l'importanza del servizio
Futuro incerto per le lavoratrici precarie dei centri per l'orientamento
Futuro incerto per le lavoratrici precarie dei centri per l'orientamento Shutterstock

TRIESTE - Scadrà fra pochi giorni, il 31 dicembre, il contratto di somministrazione di nove lavoratrici impiegate nei centri di orientamento permanente dell'Amministrazione regionale. Alcune sono in questa situazione dal 2000.
Per capire quale sarà il loro futuro, cinque lavoratrici, in rappresentanza di tutte le altre, hanno esposto la situazione ai capigruppo del Consiglio regionale, aggiungendo che nei prossimi tre anni il personale di questo servizio che dipende direttamente dalla Regione passerà da 32 a 23 unità, alcune delle quali hanno già anticipato l'intenzione di chiedere il part-time.

Una riorganizzazione di questo tipo rischia di mettere in ginocchio un servizio unico in Italia e fiore all'occhiello di
questa Regione e mette nuovamente in discussione il futuro di persone che hanno maturato una professionalità di alto profilo, impegnate in funzioni orientative, di consulenza che interessano i ragazzi in età scolare, gli studenti fino all'università, il post laurea, ma anche agli adulti che hanno la necessità di trovare un lavoro o di essere riorientati dopo averlo perso.

La questione non ha lasciato indifferenti i capigruppo che, anzi, proprio condividendo le preoccupazioni, si sono posti il problema di come porre fine a questa situazione di precarietà e non depauperare un servizio così importante. Così la II Commissione, competente in materia, chiederà quanto prima un incontro all'assessore Panariti per fare il punto della situazione e cercare le strade da percorrere per giungere a una positiva soluzione.