20 luglio 2019
Aggiornato 05:00
Allarme rientrato

Il bambino di Staranzano ricoverato al Burlo non ha la meningite

Nessun rischio di contagio neanche per il novantenne ricoverato al San Polo di Monfalcone: la aptologia non ha origine batterica

TRIESTE – Dall’Irccs Burlo Garofolo di Trieste arriva la seguente comunicazione: «Il risultato degli esami clinici ha escluso che il bambino di Staranzano – della cui patologia si riporta oggi sui quotidiani del Friuli Venezia Giulia - sia affetto da alcuna forma di meningite». Si esclude pertanto qualunque rischio di contagio per la popolazione.

L’antefatto
Il bambino, di appena tre mesi, era stato trasportato il 26 dicembre al pronto soccorso del San Polo di Monfalcone, febbricitante e in stato soporoso (sintomi tipici della meningite), tuttavia il bimbo è semplicemente affetto da sepsi ed era stato regolarmente vaccinato contro il meningococco. Il bimbo è tuttora ricoverato e in cura al Burlo.
Anche un anziano di novant’anni, sempre a Staranzano, è stato trasportato al pronto soccorso per un sospetto ictus, rivelatosi poi una meningite di origine non batterica, e pertanto non contagiosa. Le condizioni generali dell’uomo sono aggravate da patologie infettive variamente localizzate, ma non risulta comunque in pericolo di vita.