22 maggio 2018
Aggiornato 23:30
Fondi Eu, stati e regionali

Favorire i rimpatri volontari con 3.500 euro persona: accordo Stato-Regione

L’ammontare destinato a ciascun migrante che deciderą di ritornare in patria, sarą fornito in due parti

Favorire i rimpatri volontari con 3500 euro persona: accordo Stato-Regione (© Diario di Udine)

TRIESTE – Duemila mila euro di fondi europei, altri cinquecento dalle tasche dello Stato italiano e ulteriori mille, invece, che arrivano dalle casse della Regione Fvg. Totale, 3.500 euro. Un gruzzolo che in soldoni (giusto per stare in tema) rappresenta ‘la sintesi’ di quella che, dalle ultime notizie, pare essere la strategia attuata dal ministero dell’Interno italiano, in accordo con la Regione, per agevolare i rimpatri volontari dei profughi (cui verrà fornito anche un biglietto aereo per il rientro).

I fondi UE
L’annuncio dell’adesione ad alcuni progetti comunitari era già stato fatto, alla fine dello scorso anno, dall’assessore alla Solidarietà Gianni Torrenti. Ed ecco che quegli stessi fondi - 3 milioni di euro - saranno destinati proprio a coloro che decideranno di tornare al proprio Paese. Stando alle prime stime si parlerebbe di circa mille richiedenti asilo, in particolare a coloro cui è stato negato in primo grado il diritto di asilo, o altre altre forme di protezione internazionale.

Due tranche
L’ammontare destinato a ciascun migrante che deciderà di ritornare in patria, sarà fornito in due parti. In questo modo di ritiene monitorare la situazione, evitando che sia possibile usufruire del bonus pur rimanendo in Italia e nella peggiore delle ipotesi, non essere più rintracciabile. Perciò alla partenza sarà versato l’anticipo, una volta a destinazione la quota sarà saldata.

Il reinserimento nel Paese d’origine
Ma il progetto non termina qui. Chi sceglierà di tornare ‘a casa’, infatti, verrà anche aiutato a reintegrarsi. A trovare un lavoro. Un passaggio particolarmente delicato che non sarà gestito dall’Oim - l’Organizzazione internazionale per le migrazioni -, i cui funzionari hanno già fatto tappa in Regione e sono attesi nuovamente nelle prossime settimane. Particolare attenzione sarà rivolta ai richiedenti asilo afghani e pakistani, Paesi che hanno già siglato nei mesi passati accordi bilaterali allo scopo di favorire i rimpatri volontari.