24 ottobre 2018
Aggiornato 02:30

Anniversario della morte di Regeni: il palazzo della Regione illuminato di giallo

L'assessore Panariti, ribadendo il sostegno morale alla madre e al padre di Giulio nel loro doloroso percorso di richiesta di verità e giustizia, ha ricordato l'impegno della Regione a partecipare all'iniziativa degli ex compagni di studio del ricercatore friulano
Il palazzo della Regione illuminato di giallo
Il palazzo della Regione illuminato di giallo (Regione Friuli Venezia Giulia)

TRIESTE - «A un anno di distanza ricordiamo e chiediamo con forza giustizia e verità per Giulio Regeni».
A dirlo l'assessore regionale al Lavoro del Friuli Venezia Giulia Loredana Panariti, la quale ha partecipato  in piazza Unità d'Italia a Trieste alla manifestazione organizzata per Giulio Regeni, alla quale ha fatto da sfondo il palazzo della Regione illuminato di giallo in segno vicinanza alla famiglia del giovane ricercatore di Fiumicello barbaramente ucciso un anno fa in Egitto.

L'assessore Panariti, ribadendo il sostegno morale alla madre e al padre di Giulio nel loro doloroso percorso di richiesta di verità e giustizia, ha ricordato l'impegno della Regione a partecipare all'iniziativa degli ex compagni di studio di Regeni, i quali stanno avviando una raccolta di fondi finalizzati a delle borse di studio rivolte ai ragazzi egiziani per il Collegio del Mondo Unito di Duino.

A tal riguardo l'assessore ha sottolineato che la Regione ha individuato le risorse proprio per una di queste borse di studio, con l'obiettivo di continuare nel tempo in questo percorso che ci porta a chiedere verità e giustizia per Giulio Regeni.