20 gennaio 2018
Aggiornato 13:30
Giovedì 2 marzo

Garante: incontro sull'uso delle tecnologie digitali nei primi anni di vita

Alla base, i dati di una ricerca nazionale che ha esplorato le abitudini di utilizzo dei dispositivi digitali (smartphone, tablet, personal computer, televisione e videogiochi) in bambini al di sotto dei 6 anni

Una ricerca sull'utilizzo dei dispositivi digitali tra gli 0 e i 6 anni (© Adobe Stock)

TRIESTE - Giovedì 2 marzo, a Trieste, nella sala multimediale Tessitori del Consiglio regionale (piazza Oberdan, 5), a partire dalle 17, si svolgerà un incontro formativo, aperto al pubblico, sull'uso delle tecnologie digitali nei primi anni di vita. Alla base, i dati di una ricerca nazionale che in realtà è la prima indagine in Italia e una delle poche a livello internazionale ad aver esplorato le abitudini di utilizzo dei dispositivi digitali (smartphone, tablet, personal computer, televisione e videogiochi) in bambini al di sotto dei 6 anni.
L'incontro è stato organizzato dal Garante dei diritti della persona con funzioni di garanzia per bambini e adolescenti, in collaborazione con il Centro per la salute del bambino e l'Associazione culturale pediatri, e rientra nell'ambito del progetto sulle attività per il contrasto al bullismo e al cyberbullismo. Inoltre viene realizzato nell'ambito dell'accordo multisettoriale di promozione della lettura in età 0-18 anni.

Si parlerà di corretti stili di vita fin da piccoli e di luci e ombre emerse dall'indagine italiana su conoscenze, attitudini e pratiche dei genitori italiani riguardo l'uso delle tecnologie appunto nei primi anni di vita dei bimbi. Infatti, nonostante si tratti un fenomeno recente, con implicazioni non ancora completamente valutate, esistono evidenze sufficienti per giustificare preoccupazione e rivolgere attenzione particolare riguardo l'utilizzo in una età sempre più precoce.

Dopo l'introduzione del Garante per i minori, Fabia Mellina Bares, i dati della ricerca saranno illustrati da Valeria Balbinot, ricercatrice del Centro per la salute del bambino -onlus, mentre degli effetti nei primi anni di vita parlerà
Alessandra Sila, educatrice presso lo stesso Centro; le implicazioni per le famiglie e per gli operatori dell'infanzia saranno trattate da Giorgio Tamburlini, pediatria e presidente del Centro.