25 agosto 2019
Aggiornato 02:30
La mostra

Aiutare il volontariato con lo smartphone? Si può

L'iniziativa vuole supportare l'attività della onlus “Trieste Recupera” attraverso la prospettiva del fotografo triestino Furio Zuliani

Una mostra per supportare l'attività di volontariato nella lotta agli sprechi alimentari aiutando chi ne ha più bisogno con una raccolta fondi per la onlus «Trieste Recupera», un'associazione molto attiva sul territorio giuliano, e attraverso la prospettiva del fotografo triestino Furio Zuliani. L'esposizione sarà inaugurata domani alle 17.30, nella Sala Artuto Fittke di piazza Piccola 3, dove saranno esposti gli scatti realizzati con lo smartphone. Resterà aperta fino al 19 marzo, con orario: 10-13/16-20.

L'assessore

«Sposare una mostra con un'iniziativa di tipo sociale di volontariato attraverso scatti fotografici realizzati con uno smartphone, è lo sviluppo di una nuova tipologia di promozione - ha sottolineato l'assessore al Commercio, Lorenzo Giorgi durante la presentazione dell'iniziativa - a cui daremo senz'altro seguito. Intanto, nell'ultima seduta del Consiglio comunale è stata approvata la modifica alla IUC che prevede una scontistica per quelle aziende che recuperano i generi alimentari e non li gettano come purtroppo succede ancora troppe volte».

I protagonisti 

Soddisfazione da parte dell'associazione Trieste Recupera, con il presidente Luisi: «Sono onorato che il primo coinvolgimento di una onlus abbia toccato noi - ha commentato - La nostra attività di volontariato è iniziata un anno e mezzo fa. Finora abbiamo recuperato 120 mila chili di ortofrutta e migliaia di insaccati, caffè ecc dai supermercati e dalle piccole realtà rionali, ridistribuendoli poi a 500 e più famiglie bisognose in tutti i rioni». Si tratta di una solidarietà sociale 'circolare', che coinvolge persone in difficoltà, le quali diventano a loro volta volontari e che contribuisce anche alla 'ecosostenibilità' del territorio. «La mostra fotografica Trieste da smartphone – ha affermato Zuliani – nasce dalla passione per la fotografia ma soprattutto per la città di Trieste e per le nuove tecnologie, mediante l'utilizzo di uno strumento attraverso cui è facile condividere gli scatti su tutti i principali social network. Ciò che conta è l'idea che il fotografo vuole trasmettere».