26 agosto 2019
Aggiornato 00:00
il caso

Tbc per una dipendente della casa di riposo, profilassi su 112 ospiti

Nella residenza per anziani "Casa Livia Ieralla" di Padriciano è stato accertato un caso di tubercolosi polmonare

TRIESTE - Un caso di tubercolosi polmonare è stato accertato a Trieste in un'infermiera della Residenza protetta per anziani "Casa Livia Ieralla", di Padriciano. Secondo quanto riportato dall’Ansa è la stessa struttura residenziale a renderlo noto, precisando che è in corso la profilassi sui 112 ospiti e sui 102 dipendenti della struttura e su tutti coloro che hanno avuto un contatto con l'operatore sanitario, come stabilito dai protocolli delle competenti Autorità Sanitarie.

Il precedente

Nei mesi scorsi l'Azienda sanitaria era già stata coinvolta in un caso simile, quello della pediatra, convenzionata dell'Asuit e addetta ai vaccini, che aveva contratto la malattia, ma se n'è accorta solo dopo parecchi mesi. La scoperta nel settembre dello scorso anno ha fatto scattare una massiccia operazione sanitaria che ha coinvolto quasi 3mila bambini.