25 agosto 2019
Aggiornato 02:30
ferrovia riaperta

L'ordigno sui binari a Monfalcone era falso

Il meccanismo ritrovato da un macchinista era stato confezionato con due bombolette collegate a un filo. Gli artificieri lo hanno fatto brillare alle 10
Diario di Trieste

TRIESTE - Era un falso ordigno, confezionato con due bombolette collegate a un filo, la presunta bomba che, trovata questa mattina da un macchinista ai margini dei binari a Monfalcone, ha causato la cancellazione e il blocco dei treni tra Trieste e la stazione della città goriziana. Come riporta l'Ansa, gli artificieri, intervenuti sul posto del ritrovamento, una galleria della linea merci che porta allo scalo portuale, hanno fatto brillare poco prima delle ore 10 la falsa bomba. Ancora qualche disagio per i viaggiatori sulla linea che porta al capoluogo giuliano, riaperta soltanto alle 10.30.