26 agosto 2019
Aggiornato 12:00
Il tragico epilogo

Trovato il corpo di Veronica Bencic, da 7 mesi non si avevano sue notizie

Il cadavere della 83enne residente a Trieste è stato individuato nei pressi di Re, in Piemonte. Da agosto si era persa ogni sua traccia

TRIESTE - Non si avevano sue notizie dal giorno di ferragosto. Ieri il tragico epilogo. Il corpo Veronica Bencic, l’anziana donna triestina di cui si erano perse le tracce la scorsa estate in Piemonte, è stato trovato domenica pomeriggio in un bosco del paese di Re, in valle Vigezzo (provincia di Verbania) da una pattuglia della polizia provinciale. Come riporta Il Piccolo, il ritrovamento della donna è avvenuto a poca distanza dal luogo in cui era stata vista per l’ultima volta, non lontano dal Santuario della Madonna del sangue. Veronica Bencic, 83enne di origini croate e residente da anni a Trieste, si era recata per un pellegrinaggio e un ritiro spirituale con un gruppo di fedeli organizzato dal Centro diocesano volontari della sofferenza di Trieste. Alec Grizon, presidente del centro e responsabile del gruppo, aveva dato l’allarme nella serata del giorno di Ferragosto, denunciando la scomparsa dell’anziana ai Carabinieri perché dalle 15 non si avevano più sue notizie.

Le ricerche
Dopo il pranzo la donna si era allontanata dalla casa dirigendosi verso una zona boschiva per fare una passeggiata, ma non è più tornata. Dopo una prima fase di ricerche nella zona situata a pochissimi chilometri dal confine con la Svizzera da parte dei Vigili del fuoco e dalle squadre della Protezione civile, erano stati coinvolti anche gli uomini del Soccorso alpino, quelli della Guardia di finanza e dei Carabinieri. Della donna nessuna traccia. Le perlustrazioni erano proseguire per diversi giorni, ma poi erano state interrotte. Il caso era stato affrontato anche nella trasmissione televisiva »Chi l’ha visto?», e dopo una segnalazione verso metà ottobre, quando la donna sarebbe stata notata al mercato di Vigevano, non erano emersi altri elementi. La vicenda si è conclusa ieri, nel peggiore dei modi.