22 novembre 2017
Aggiornato 13:30
cronaca

Ferriera, ispezione dell'Arpa dopo l'emissione di fumo nero

I boati accompagnati dall'emissione di fumo nero verificatisi questa mattina nello stabilimento di Siderurgica Triestina sono stati causati dall'apertura delle valvole di sicurezza in seguito a delle sovrappressioni che si sono generata nell'altoforno

(© diario di trieste)

TRIESTE  - I boati accompagnati dall'emissione di fumo nero verificatisi questa mattina nello stabilimento di Siderurgica Triestina a partire dalle ore 8.50 sono stati causati dall'apertura delle valvole di sicurezza in seguito a delle sovrappressioni che si sono generata nell'altoforno. All'origine delle sovrappressioni, una anomala canalizzazione dei gas di combustione in fase di fermata dell'impianto per interventi di manutenzione. Lo segnala l'Agenzia regionale per la protezione dell'ambiente (Arpa) che è stata tempestivamente informata dell'accaduto dalla direzione di Siderurgica Triestina.

La risposta dell'Arpa
Per Arpa la sovrappressione durante la fase di rallentamento dell'impianto è un fenomeno piuttosto raro e atipico. A tale proposito l'Agenzia per l'ambiente effettuerà degli approfondimenti assieme alla direzione dello stabilimento, al fine di verificare l'adozione di accorgimenti tecnico-gestionali necessari ad evitare il ripetersi di tali anomalie. Arpa fornirà ulteriori ragguagli sulle emissioni odierne e sull'andamento complessivo dell'impianto siderurgico nel rapporto
finale della visita ispettiva, la cui conclusione è prevista nei prossimi giorni.