19 aprile 2021
Aggiornato 05:00
educazione

Grim: «Il Comune assuma coordinatori pedagogici»

La consigliera comunale ha presentato una mozione al sindaco Dipiazza e alla giunta: «E' fondamentale che il Comune promuova la continuità del percorso educativo e scolastico»

TRIESTE - «Il piano delle assunzioni del Comune di Trieste deve prevedere un congruo numero di coordinatori pedagogici, figura preziosa e centrale per la formazione dei bambini e dei ragazzi all’interno di un sistema scolastico sempre più integrato». Lo afferma Antonella Grim, consigliere comunale a Trieste e segretaria regionale del Pd, che ha presentato una mozione al sindaco Dipiazza e alla giunta. Secondo Grim, presente a Bologna all’evento del Pd sulla riforma zero-sei, con il segretario del partito Matteo Renzi e Valeria Fedeli, ministro dell’Istruzione, «è anche fondamentale che il Comune promuova la continuità del percorso educativo e scolastico, in cui le diverse articolazioni del sistema integrato devono collaborare attraverso il coordinamento dell’attività di progettazione e la costituzione di poli educativi integrati. E’ inoltre indispensabile – continua Grim – che l’Amministrazione promuova la qualità dell’offerta formativa anche attraverso la formazione continua in servizio, quindi con l’inserimento nel piano della formazione di percorsi dedicati per gli operatori dei servizi educativi».

Gli investimenti nei servizi educativi
«Trieste – osserva Grim - da tempo si distingue per aver investito nei servizi educativi, creando un patrimonio prezioso. Già da molti anni si sta costruendo un coordinamento sempre più forte tra gli operatori di asili nido, delle scuole dell’infanzia, dei ricreatori, perché così si favorisce la continuità del percorso educativo e scolastico, e lo sviluppo dei bambini e delle bambine in un processo quanto più unitario. Da qui la necessità di tutelare questo patrimonio con opportune scelte e investimenti».