15 dicembre 2018
Aggiornato 07:00

Novelli, quali le intenzioni sul futuro dell'Ente Tutela Pesca

L'Etp, voluto dalla Regione nel 1971, con la LR 19 è stato messo in discussione dalla Giunta Serracchiani, con l'assessore competente Panontin nel novembre 2015. A quel tempo l'assessore aveva dichiarato sulla stampa la volontà dell'esecutivo di sopprimere l'Ente e passare parte delle sue funzioni gestionali all'Agenzia regionale per lo sviluppo rurale
Novelli, quali le intenzioni sul futuro dell'Ente Tutela Pesca
Novelli, quali le intenzioni sul futuro dell'Ente Tutela Pesca (Regione Friuli Venezia Giulia)

GORIZIA - «Quali sono le intenzioni della Giunta regionale sulla revisione e riorganizzazione dell'Ente Tutela Pesca? Esistono linee di indirizzo in merito alla composizione del nuovo Ente che, come da anticipazioni, dovrebbe sorgere dalle ceneri del vecchio Etp?" A porre i quesiti è il consigliere regionale di Forza Italia Roberto Novelli che ha presentato un'interrogazione sul tema alla Giunta.

 

«L'Etp, voluto dalla Regione nel 1971, con la LR 19 - rileva Novelli - è stato messo in discussione dalla Giunta Serracchiani, con l'assessore competente Panontin nel novembre 2015. A quel
tempo l'assessore aveva dichiarato sulla stampa la volontà dell'esecutivo di sopprimere l'Etp e passare parte delle sue funzioni gestionali all'Ersa, Agenzia regionale per lo sviluppo
rurale. Lo stesso assessore aveva anche preannunciato il commissariamento della struttura per consentire di ultimare il lavoro nel 2016.
Una visione che il Consiglio direttivo dell'Etp ha subito contrastato, sottolineando che i due Enti potrebbero non dialogare tra loro (chi avrebbe l'ultima parola?), e soprattutto, non ci sarebbero risparmi, dato che buona parte del personale è composta da dipendenti regionali. Oltre a questo sarebbero eliminati il presidente e i rappresentanti del collegio (15) eletti ogni quattro anni e fondamentale cinghia di trasmissione fra la sede centrale e il territorio, e anche la vigilanza, composta da 156 Guardie volontarie, avrebbe un destino indefinito. La presentazione dell'articolato della riforma era prevista per novembre 2016, data poi slittata a gennaio 2017 ma, a oggi, non si è visto ancora niente. Parrebbe, anzi, che il pensiero originario della soppressione sia stato accantonato per far posto a un nuovo Ente (tutto burocratico), che non avrebbe però più la rappresentanza della categoria dei pescasportivi. Rimane poi in sospeso anche il problema dell'armamento delle Guardie volontarie, dato che dal 2007 non hanno più il porto d'armi. Questo però si renderebbe necessario in forma parziale (non per tutti e non obbligatorio) anche alla luce del caso del guardiapesca ucciso in Emilia Romagna e del fatto che molti di
loro prestano servizio notturno»
.