22 novembre 2017
Aggiornato 13:30
teatro

"La vedova allegra" torna al Politeama Rossetti: aperte le prevendite

L'appuntamento sarà preceduto da un Galà dedicato alle più belle arie d'operetta con musiche di Kállmán, Strauß, Lehár, Stolz

TRIESTE - «La vedova allegra» fa il suo ritorno al Politeama Rossetti e la precede un "Galà dell'operetta - Suoni del Danubio" dedicato alle più belle arie d’operetta con musiche di Kállmán, Strauß, Lehár, Stolz e molti altri grandi compositori. Protagonisti di entrambi gli appuntamenti saranno i solisti, l’orchestra e il corpo di ballo del Teatro Nazionale dell’Operetta di Budapest: una delle principali realtà produttive in Europa nel campo del teatro musicale. Per il «Galà» (5 luglio) e per «La vedova allegra» (dal 6 al 9 luglio) la prevendita è già in corso, presso i circuiti ed i punti vendita abituali del Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia che ospita gli eventi nell’ambito delle manifestazioni estive del Comune di Trieste. L’iniziativa fa seguito al grande successo registrato lo scorso anno, quando il prestigioso Teatro ungherese aveva proposto al Politeama una prima edizione del Galà, e riallaccia il fil rouge con una tradizione del Politeama Rossetti, dove la piccola lirica è storicamente «di casa» (basti pensare che nel 1927 vi diresse lo stesso Franz Lehár, e che per molte estati vi si sono tenuti i Festival dell’Operetta organizzati dal Teatro lirico «G.Verdi»).

I protagonisti
Se l’allestimento si prospetta di gran lusso, non sono da meno le voci e gli artisti di questa edizione: innanzitutto è da sottolineare che reciteranno e canteranno interamente in lingua italiana. La "Primadonna", Hanna Glawari, sarà interpretata da una delle voci di punta del Teatro Nazionale di Budapest, Monika Fischl, alla quale toccherà riconquistate il cuore del suo primo vero amore, il Conte Danilo, interpretato da Zsolt Vádas. Spiccano nel nutrito cast anche le voci di Anita Lukach (Valancienne), e quella del tenore Gergely Boncer. Non mancheranno, ovviamente, l’Orchestra ed il notevole Corpo di Ballo del Teatro. A rappresentare il fortissimo legame di Trieste con l'Operetta, sono stati invitati in scena anche due beniamini del pubblico triestino: Andrea Binetti che applaudiremo nel ruolo del Barone Zeta, e Alessio Colautti in quello di Njegus. A loro va il compito di districare intrecci amorosi, rendere possibile il matrimonio fra la ricca Hanna ed il suo Conte Danilo, evitando così il fallimento del Pontevedro (incantevole Stato di fantasia) e soprattutto il compito di far divertire il pubblico.

Per i posti ancora disponibili ci si pu rivolgere presso tutti i punti vendita dello Stabile regionale, i consueti circuiti o accedere attraverso il sito www.ilrossetti.it alla vendita on line. Ulteriori informazioni al tel 040-3593511.