29 marzo 2020
Aggiornato 11:30
FERRIERA

M5S: «Ombra sul rinnovo dell'Aia: c'è un potenziale conflitto di interessi»

La portavoce del MoVimento in Consiglio regionale Eleonora Frattolin ha inviato alla Procura di Trieste e all'Autorità nazionale anticorruzione (Anac) la lettera con cui il direttore del servizio tutela da inquinamento della Direzione centrale ambiente ed energia della Regione FVG, spiega perché non si trovasse in una situazione di conflitto d'interesse
La portavoce del MoVimento Cinquestelle in Consiglio regionale Eleonora Frattolin
La portavoce del MoVimento Cinquestelle in Consiglio regionale Eleonora Frattolin Diario di Trieste

TRIESTE - La portavoce del MoVimento Cinquestelle in Consiglio regionale Eleonora Frattolin con una nota fa sapere di aver inviato alla Procura di Trieste e all'Autorità nazionale anticorruzione (Anac) guidata dal giudice Raffaele Cantone la lettera con cui il direttore del servizio tutela da inquinamento atmosferico, acustico ed elettromagnetico della Direzione centrale ambiente ed energia della Regione FVG, spiega perché non si trovasse in una situazione di conflitto di interesse quando, il 27 gennaio 2016, firmò il decreto i riesame con valenza di rinnovo dell'Aia della Ferriera di Servola. «A nostro avviso, contrariamente a quanto sostenuto dalla giunta Serracchiani, la lettera non fa che confermare una situazione di
potenziale conflitto di interesse. Un fatto gravissimo che getta un'ombra sul procedimento di rinnovo dell'Aia per lo stabilimento siderurgico triestino
» sostiene Frattolin  ricordando che l'ordinamento italiano (sia nazionale che regionale) non fa distinzione tra interesse proprio o altrui, diretto o indiretto, concreto o potenziale, e richiamando anche quanto previsto dal Codice di comportamento voluto fortemente proprio dalla presidente, approvato con decreto n. 39 del 24 febbraio 2015.