22 maggio 2018
Aggiornato 13:30
L'evento

La città celebra i Cosulich: volo Trieste-Zara (e ritorno) su un idrovolante

Il nuovo programma dell'evento prevede per domani, sabato 27 maggio, alle 10.30 circa, l'arrivo dell’aereo proveniente da Como (si tratta di un Cessna dell'Aeroclub comasco) e il suo ammaraggio nello specchio di mare del Bacino San Giusto antistante il Molo Audace

Cessna 206 (© Aero club Como)

TRIESTE - Si farà questo fine settimana l’annunciato (e poi sospeso per maltempo, a inizio mese) volo celebrativo Trieste-Zara e ritorno a bordo di un idrovolante, rievocativo dell'epopea della S.I.S.A. dei Cosulich, dell’idroaviazione degli anni Trenta e dei collegamenti aerei di allora tra la nostra città e l'Adriatico Orientale. Lo hanno annunciato gli organizzatori dell’Associazione «MareCielo Gianni Widmer» che hanno «riformulato» le tabelle di volo e gli appuntamenti collaterali che caratterizzeranno l'iniziativa. Il nuovo programma – a tre settimane dal precedente tentativo – prevede dunque per domani, sabato 27 maggio, alle 10.30 circa, l'arrivo dell’aereo proveniente da Como (si tratta, come si ricorderà, di un Cessna dell'Aeroclub comasco) e il suo ammaraggio nello specchio di mare del Bacino San Giusto antistante il Molo Audace (tra il Molo e la Diga). 

Il programma
Il velivolo sarà brevemente ormeggiato alla radice del Molo, per imbarcare i due triestini che lo co-piloteranno in questo tragitto, ovvero Egidio Braicovich presidente della «Mare-Cielo Gianni Widmer» e il giovane Massimiliano Grassi, neo-diplomato della Sezione Aeronautica del nostro Istituto Nautico, nonché quali «ospiti viaggiatori» il Presidente della Comunità Croata di Trieste Damir Murkovic e il zaratino Franco Luxardo erede della storica famiglia dalmata di produttori di maraschino e attuale titolare dell'omonima azienda, oggi con sede a Padova.  Il decollo avverrà poco dopo (attorno alle ore 11 – 11.15) alla volta di Zara. Il volo durerà circa 1 ora e 45 minuti, volendo ripetere la velocità e la quota degli idrovolanti «Cant» dell'epoca, ovvero volando a 500 piedi, corrispondenti a circa 160 metri sopra il livello del mare. A Zara, dove l'arrivo è previsto alle 13, sono stati organizzati per l'occasione un incontro celebrativo con le Autorità e con la stampa, che si svolgerà nello storico Palazzo Ducale, nonché un annullo filatelico e, più tardi, una festosa «serata zaratina»

Domenica
Domenica 28, alle 10.30, ripartenza da Zara per tornare a Trieste e nuovamente ammarare, sempre tra il Molo Audace e la Diga, con arrivo stimato alle ore 12-12.15. Seguirà, anche nella nostra città un breve incontro di festeggiamento dell'intera iniziativa che avrà luogo allo Yacht Club Adriaco verso le ore 12.30. Per le 15.30 è infine previsto il decollo per il volo di rientro alla base di Como. Alla vigilia di quest'ultima «puntata» delle molteplici manifestazioni celebrative dei voli degli idrovolanti di 90 anni or sono (che hanno visto in questi mesi l'organizzazione di ben due mostre contemporanee, una delle quali curata dalla Fincantieri, la stampa di preziosi cataloghi, lo svolgimento di conferenze di approfondimento storico, annulli filatelici, e ora, finalmente, l'atteso volo), l’Associazione «MareCielo Gianni Widmer» per bocca del presidente Braicovich ha voluto rivolgere un ringraziamento speciale al Comune di Trieste, e in particolare alle strutture dell'Area Cultura guidate dall'Assessore Giorgio Rossi, all'IRCI e, specificamente per il contributo prestato per la miglior organizzazione del volo, alla Comunità Croata di Trieste e allo Yacht Club Adriaco. 

La mostra
Da segnalare infine che della mostra in tema ancora aperta al Civico Museo della Civiltà Istriana Fiumana e Dalmata di via Torino 8, promossa dall'IRCI e dedicata al 90° anniversario del primo volo commerciale fra Trieste e Zara e al grande pilota triestino, ardito collaudatore nonché capo scalo della S.I.S.A. dei Cosulich a Trieste e a Venezia Gianni Widmer, è stata appena decisa la proroga di ulteriori due settimane, fino a domenica 11 giugno. L'esposizione è visitabile da lunedì a venerdì dalle ore 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 18.30; sabato 10-12.30, domenica dalle 10 alle 18.30.