16 dicembre 2019
Aggiornato 11:30
Serie A2 | Playoff Gara 5

Il sogno continua: Trieste batte Bologna e vola in finale

L'Alma si guadagna la finale che deciderà la squadra che sarà promossa in serie A. 80 a 60 il risultato finale. Grand festa al Pala Trieste, gremito per l'occasione.
Il sogno continua: Trieste batte Bologna e vola in finale
Il sogno continua: Trieste batte Bologna e vola in finale

TRIESTE - Battendo, con punteggio rotondo, per 80 a 60 la Kontatto Bologna, l’Alma Trieste si guadagna la finale che deciderà la squadra che sarà promossa in serie A. Davanti ad un PalaTrieste ancora una volta strapieno, la formazione di coach Dalmasson è partita anche questa volta a razzo mettendo sotto gli ospiti e dando l’illusione di potere chiudere da subito il match. Gli ospiti sono stati a bravi a tornare in partita durante il terzo quarto, arrivando fino a -6, ma nell’ultima frazione l’Alma, trainata da Green e da un applauditissimo Prandin, è riuscita a capovolgere l’inerzia del match e a battere nettamente i bolognesi allenati dall’ex Boniciolli.

Nel primo quarto l’Alma Trieste con una difesa asfissiante ed un grande Green (13 punti per lui nei dieci minuti iniziali) annichilisce una Kontatto Bologna incerta e pasticciona. Il risultato sono che, alla prima pausa, i biancorossi hanno già infilato 31 punti e dato un distacco di 18 lunghezze agli ospiti.

Nella ripresa si segna molto di meno, anche perché Bologna inizia a difendere più duro e Trieste si concede qualche passaggio a vuoto, soprattutto dalla linea del tiro libero dove a Da Ros, chissà perché, tremano le mani. Gli ospiti, grazie a qualche iniziativa di Cinciarini e ad una tripla di Italiano, si riavvicinano ai padroni di casa portandosi a -14 (35-21), ma, dopo un time out chiamato subito da coach Dalmasson, ritornano a macinare canestri e piazzano un parziale di 9 a 2 che gli permette di andare a metà match sul 44 a 23.

La terza frazione, vinta nettamente dalla Fortitudo per 25 a 13, dimostra come nel basket ci voglia pochissimo per riaprire una partita che, nei primi venti minuti, sembrava già chiusa. Coach Boniciolli ritrova il suo cannoniere Legion che segna tutti i primi 8 punti della frazione (44-31). I biancorossi rispondono con Da Ros e Cavaliero, ma a questo punto è Italiano ad «accendersi» con un paio di triple e a permettere alla Kontatto di chiudere il tempetto con soli 8 punti di differenza (57-49).

In apertura di ultima frazione un arresto e tiro di Cinciarini fa segnare il -6 per Bologna, ma, a questo punto, Trieste ha una reazione di orgoglio e con un gladiatorio Prandin, che prende falli su falli e segna punti nei momenti cruciali, riesce a riprendere le fila del discorso e a fare tornare l’inerzia del match dalla sua parte. Un vivacissimo Green ed alcune invenzioni di Da Ros riportano Trieste avanti nel punteggio, mentre, dall’altra parte, la Fortitudo perde Ruzzier, Mancinelli ed Italiano per cinque falli. Il Pala Trieste può allora finalmente cantare vittoria per il passaggio del turno e tributare il giusto plauso ai biancorossi che vanno meritatamente alla finale contro la Virtus.

Alma Trieste - Kontatto Bologna 80-60 (31-13, 44-23, 57-49)
Alma Trieste: Javonte damar Green 26 (8/10, 0/2), Daniele Cavaliero 12 (2/3, 2/6), Matteo Da ros 11 (1/4, 2/3), Jordan Parks 10 (4/9, 0/0), Roberto Prandin 9 (3/4, 0/0), Stefano Bossi 7 (1/2, 0/4), Andrea Pecile 3 (0/0, 1/2), Alessandro Cittadini 2 (1/1, 0/0), Lorenzo Baldasso 0 (0/1, 0/3), Andrea Coronica 0 (0/0, 0/1), Alessandro Simioni 0 (0/0, 0/0), Enrico Gobbato 0 (0/0, 0/0). All. Dalmasson.
Kontatto Bologna: Alex Legion 22 (4/9, 4/9), Nazzareno Italiano 14 (1/1, 3/5), Justin Knox 8 (2/4, 0/0), Daniele Cinciarini 8 (3/8, 0/1), Leonardo Candi 3 (0/0, 1/2), Stefano Mancinelli 2 (1/3, 0/1), Matteo Montano 2 (1/2, 0/0), Luca Gandini 1 (0/0, 0/0), Michele Ruzzier 0 (0/1, 0/0), Davide Raucci 0 (0/0, 0/0), Daniele Costanzelli 0 (0/0, 0/0), Luca Campogrande 0 (0/0, 0/0). All. Boniciolli.