16 dicembre 2019
Aggiornato 12:00
la manifestazione

"Trieste e l'oriente", suoni e tradizioni del mondo orientale in piazza Ponterosso

Nove giorni di suoni, colori e sapori dell'Oriente con le sue tradizioni millenarie, la sua cultura, i suoi usi e costumi, le sue discipline più antiche (dallo Yoga alle arti marziali), le sue spezie, l'artigianato, gli abiti tipici e la cucina tradizionale
Presentato l'evento "Trieste e l'oriente"
Presentato l'evento "Trieste e l'oriente"

TRIESTE - A Trieste si potrà 'vivere' la magia dell'Oriente, dal 10 al 18 giugno, in piazza Ponterosso, con la manifestazione «Trieste e l’Oriente» - Suoni, Colori e Tradizioni del Mondo Orientale, a ingresso libero. Nove giorni di suoni, colori e sapori dell'Oriente con le sue tradizioni millenarie, la sua cultura, i suoi usi e costumi, le sue discipline più antiche (dallo Yoga alle arti marziali), le sue spezie, l'artigianato, gli abiti tipici e la cucina tradizionale. Promossa dall'associazione Altamarea Eventi in co-organizzazione con il Comune di Trieste - Assessorato Coordinamento Eventi - la manifestazione, giunta alla seconda edizione, è stata presentata in Municipio dall'assessore al Commercio ed eventi correlati Lorenzo Giorgi e da Silvio Pozenu di Alta Marea Eventi assieme a numerosi rappresentanti delle realtà partecipanti. 

Appuntamenti in programma
Numerose e varie le attività previste: lezioni gratuite aperte a tutti di Lyengar Yoga di KENJUTSU (arte della spada Giapponese), di Tai Chi Chuan, di Kung Fu, di Makotokai Karate, di Nia, di Danza del Ventre, Do-In e Stretching dimostrativi e Contatto Shiatsu, di Kata, Bagno di suoni con Campane Tibetane e Bagno di Gong. E inoltre, spettacoli di danza del ventre, esibizioni ddi Tai Chi Chuan: Ma Tsun Kuen e Kung Fu, e – nei locali vicini aderenti - concerti e musica dal vivo, serate con dj, Aperitivo Italiano e Aperitivo Buddha Bar (Chill Out) accompagnati da pietanze orientali in versione «Triestina». E nella vicina Pescheria, dal martedì al sabato presso si svolgerà la Settimana del Sushi, con filetti di pesce già pronti da asporto. Non mancherà la cultura, con la presentazione del libro di Paolo Valenti «Le più belle navi per l’Oriente» (Luglio Editore) con interessanti videoproiezioni. Per i bambini, si svolgeranno dimostrazioni di Makotokai Karate e, nel fine settimana, corsi di introduzione all’Origami e ideogrammi presso lo stand del Giappone. Sarà aperto infine uno Stand dimostrativo della medicina tradizionale antica dell’Estremo Oriente e si terranno sessioni di massaggi olistici. Non mancheranno iniziative di solidarietà, con la presenza, nei weekend, dei volontari del Centro Buddhista Tibetano Sakya Kunga Choling che illustreranno le finalità del Centro e le adozioni a distanza dei bambini tibetani profughi in India. Sabato 10 e domenica 11 giugno presso lo stand del Comitato per la CooperazioneInternazionale, città di Valdagno avrà luogo una raccolta fondi a sostegno del progetto Namastè. 

La storia
Trieste – hanno ricordato gli organizzatori - ha avuto rapporti con l'Oriente fin dal XVIII secolo. Ma è soprattutto nel XIX secolo che, per vocazione marittima e commerciale, ha guardato al Levante e al Sud Mediterraneo e da lì oltre a Suez ha diretto le navi del Loyd verso mete più lontane come l'India e i paesi dell'Asia orientale, Cina e Giappone. Per ricordare questo fiorente passato e nell'intento di guardare a un prospero futuro, «abbiamo pensato di proporre anche in città, sulla scorta di positive esperienze maturate altrove e anche in altre città della regione, una mostra mercato con prodotti provenienti da vari paesi orientali. Troveremo lampade di sale dell’Himalaya dalle note proprietà terapeutiche, spezie e the esotici, frutta disidratata dalla Thailandia, artigianato da India, Indonesia, Madagascar e Vietnam e infine abbigliamento tradizionale». Grande spazio verrà riservato alle associazioni sportive locali che praticano arti marziali e che promuoveranno le diverse discipline effettuando anche esibizioni di Karate, Thai Chi Chuan e Kung Fu, Kenjutsu (Arte della spada giapponese). Quando si pensa all'Oriente viene naturale immaginare rilassatezza e benessere che saranno qui rappresentate da lezioni di Iyegar yoga e Shiatzu-Reiki e Bagni di suoni con le campane tibetane. Ci saranno pure delle serate dedicate alla Danza del Ventre con l'esibizione della notissima Maya Gaorry e la pluricampionessa mondiale Ylena con la sua Desert Dance Academy. 

Piatti tipici
La varietà di proposte, dal ballo all'artigianato ai piatti tipici sarà in grado di accontentare un po' tutti a cominciare dai cultori dalle arti marziali e gli appassionati di Yoga e delle discipline olistiche. «Ci preme sottolineare – ha sottolineato Pozenu - il grande entusiasmo dimostrato dalle attività commerciali locali: per la prima volta porteremo in centro un negozio con sede a San Giacomo che ha colto al volo questa opportunità di promozione e anche i locali della zona collaboreranno all'evento, proponendo serate con piatti tipici e musica a tema e la Pescheria di via Genova proporrà la settimana del Shushi. Non potrà mancare la ristorazione con cucina vegetariana e Indiana e, per i palati più golosi, dolci del Medioriente e biscotti giapponesi».