24 ottobre 2017
Aggiornato 11:00
Lo spettacolo

Pinocchio al Rossetti: 60 giovani portano in scena il romanzo di Collodi

Il celeberrimo personaggio è al centro del saggio che gli allievi dell’Associazione Culturale StarTs Lab diretti da Luciano Pasini presentano al pubblico da giovedì 15 a martedì 20 giugno (sempre alle 19.30) alla Sala Bartoli

Pinocchio (© teatro stabile fvg)

TRIESTE  - Pinocchio, il celeberrimo personaggio di Collodi, è al centro del saggio che gli allievi dell’Associazione Culturale StarTs Lab diretti da Luciano Pasini presentano al pubblico da giovedì 15 a martedì 20 giugno (sempre alle 19.30) alla Sala Bartoli. Com’è tradizione, Pinocchio diverrà uno spettacolo vero e proprio, prodotto dal Teatro Stabile del Friuli Venezia Giulia e sarà inserito nella Stagione 2017-2018: ma chi volesse assistere in anteprima al lavoro degli oltre 60 ragazzi che studiano recitazione, musica e si mettono alla prova allo Stabile, potrà acquistare i biglietti per questa tranche di recite, portate in scena a rotazione da tre diversi cast.

Il cast 
Luciano Pasini firmerà anche quest’anno la regia dello spettacolo, dopo aver formato durante tutto l’anno i suoi entusiasti ed energici giovani attori: nel compito lo hanno aiutato Noemi Calzolari per l’educazione al linguaggio e Daniela Ferletta per l’educazione musicale. Come per i precedenti successi dei ragazzi, anche per Pinocchio di Carlo Collodi, l’adattamento è curato da Adriano Braidotti, la parte musicale che arricchisce lo spettacolo si avvale dell’apporto creativo di Marco Steffé e – per i testi delle canzoni – di Pasini con lo stesso Steffé. Si rinnova la collaborazione con il Liceo artistico «Nordio» di Trieste i cui allievi sono stati coinvolti nella concezione e creazione di scenografia e costumi: hanno curato la scenografia gli allievi dei professori Renzo Grigolon e Luigi Leaci. Per i costumi vanno invece ringraziati gli studenti guidati dalla professoressa Grazia De Robertis. Le luci sono di Davide Comuzzi ed il suono di Borut Vidau. Nelle recite si alterneranno tre diversi cast: vi hanno lavorato infatti, nel complesso, oltre sessanta ragazzi – fra gli 11 e i 18 anni – che hanno frequentato le attività del Laboratorio teatrale durante l’intero anno.