18 ottobre 2017
Aggiornato 00:00
ricerca

Area Science Park e Gal Carso, l'innovazione si mescola al settore rurale

La presidente del Fvg, Debora Serracchiani: «L'auspicato ingresso di Area Science Park nella compagine del Gruppo di azione locale del Carso è stato condiviso e agevolato dalla Regione»

Sempre più solida la collaborazione tra AREA Science Park e il GAL Carso (© Gal Carso)

TRIESTE  - «L'auspicato ingresso di Area Science Park nella compagine del Gruppo di azione locale del Carso è stato condiviso e agevolato dalla Regione, convinta che il rilancio di uno strumento come il Gal ha senso se genera progetti innovativi e concreti funzionali allo sviluppo di un territorio». Lo ha affermato la presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, commentando il completamento di un percorso di collaborazione tra l'Ente nazionale di ricerca situato sull'altipiano triestino e il Gal Carso inteso a creare sinergia tra ricerca scientifica e settore rurale. La Regione, che era subentrata alla Provincia di Trieste nel possesso delle quote del Gal, si è resa disponibile a cederle ad Area Science Park. Per Serracchiani «il progetto pilota Area-Gal Carso viene guardato con interesse dalla Commissione europea che vi ha individuato un modello esportabile nell'ambito e nell'area della strategia Adriatico-Ionica». «Questa modalità di creazione di una rete che mette a sistema ricerca avanzata e specifici asset territoriali non è legato in via esclusiva al Carso ma può trovare utili occasioni di applicazione in altri luoghi della regione, divenendo così un valore aggiunto».