8 dicembre 2019
Aggiornato 03:30
Sport

Rinnovato lo stadio Grezar, Pettarin: «Il più bell'impianto di atletica in Italia»

Presentati i campionati nazionali di atletica leggera, che si svolgeranno dal 30 giugno al 2 luglio a Trieste. La presidente Serracchiani: «Un investimento che permette a Trieste di diventare, anche nello sport, una straordinaria piattaforma per la Slovenia, la Croazia e per tutto il bacino dei Balcani»
Un momento della presentazione dei campionati nazionali di atletica leggera
Un momento della presentazione dei campionati nazionali di atletica leggera Regione Friuli Venezia Giulia

TRIESTE - «Un investimento che permette a Trieste di diventare, anche nello sport, una straordinaria piattaforma per la Slovenia, la Croazia e per tutto il bacino dei Balcani». È il giudizio della presidente del Friuli Venezia Giulia, Debora Serracchiani, a proposito dei lavori di ristrutturazione dello stadio Giuseppe Grezar di Trieste che sarà inaugurato il prossimo 29 giugno per poi ospitare, dopo 49 anni, i campionati nazionali di atletica leggera. L'evento è stato presentato oggi nel capoluogo giuliano, alla presenza dei vertici regionali della Federazione italiana atletica leggera (Fidal) a cui Serracchiani ha espresso «un grande riconoscimento per il grande e prezioso lavoro» finalizzato ad ottenere l'organizzazione degli Assoluti 2017. La tre giorni di gare si svolgerà dal 30 giugno al 2 luglio e vedrà la partecipazione dei migliori atleti italiani, molti dei quali cercheranno di ottenere la qualificazione ai mondiali che si svolgeranno in agosto a Londra. I titoli in palio saranno 40 oltre alla Coppa Italia per società.

Numeri
«La manifestazione - ha aggiunto la presidente - darà visibilità alla nostra regione che nello sport registra dei dati impressionanti. Siamo il territorio con il maggior numero di sportivi per numero di abitanti». Serracchiani ha quindi ricordato come l'amministrazione regionale, in sintonia con i Comuni, abbia fortemente investito nella ristrutturazione degli impianti sportivi, stanziando 2 milioni di euro per il rifacimento dei maggiori centri di atletica in Friuli Venezia Giulia, a cui si è aggiunto il contributo di 500mila euro per l'ammodernamento del Campo Cologna che agirà da supporto al Grezar. Lo stadio nel quale si sono scritte pagine importanti di sport, si candida quindi a diventare il teatro di importanti meeting internazionali, grazie alla pista ad otto corsie pienamente in regola con gli standard richiesti dalla federazione internazionale. «Il sogno è che il Grezar possa ospitare i Giochi del Mediterraneo», ha detto il presidente della Fidal Fvg, Guido Germano Pettarin, presentando lo stadio rinnovato come «il più bel impianto di atletica leggera in Italia» e potenziale punto di riferimento «per la Mitteleuropa e i Balcani». Pettarin ha poi anche lodato la sinergia istituzionale tra le amministrazioni pubbliche in Friuli Venezia Giulia e, nel caso specifico del Grezar, tra la Regione e il Comune di Trieste. L'amministrazione comunale era rappresentata dall'assessore allo sport, Giorgio Rossi, che ha evidenziato come il raggio di curva della pista di atletica sia pienamente in norma con i criteri internazionali. L'inaugurazione dell'impianto, ha quindi ricordato l'assessore, è stata resa possibile anche grazie alla rinuncia di costruire la tribuna Valmaura che avrebbe acconsentito di alzare la capienza a 20mila spettatori.

Eventi collaterali
All'inaugurazione, tuttavia, non saranno presenti i vertici nazionali della Fidal che, come ha spiegato il consigliere federale Elio De Anna, proprio il 29 giugno saranno impegnati nell'approvazione del bilancio. Il giorno successivo, invece, si recheranno tutti a Trieste, con a capo il presidente Alfio Giomi.  De Anna, già assessore allo Sport del Friuli Venezia Giulia, ha anch'egli voluto sottolineare la buona collaborazione tra le istituzioni politiche regionali e la loro lungimiranza, soffermandosi poi su alcuni aspetti sportivi e ricordando, tra l'altro, che gli Assoluti del 1968 a Trieste furono gli ultimi a cui partecipò Livio Berruti. Infine, il presidente del comitato provinciale Fidal di Trieste, il consigliere regionale Emiliano Edera, ha affermato come i campionati nazionali saranno un premio per la città che conta ben 1.800 tesserati. L'evento è dunque molto sentito e sarà accompagnato da diverse iniziative collaterali, tra le quali, il 30 giugno, un incontro organizzato dall'Unione stampa sportiva italiana e presentato da Matteo Contessa come un forum aperto a tutti e che vedrà la partecipazione del direttore tecnico della Nazionale di atletica, Elio Locatelli, e di Franco Bragagna, voce storica della Rai. Sarà proprio la TV pubblica a curare la diretta della tre giorni allo stadio Grezar.