11 dicembre 2018
Aggiornato 12:00

Controlli a tappeto: scattano i primi sequestri sul litorale friulano

Le forze dell’ordine hanno già riscontrato alcune irregolarità, in particolare relative all’occupazione abusiva del suolo pubblico, oltre i limiti, all’esercizio dell’attività di artista di strada, senza licenza. Ma non solo
Controlli a tappeto: scattano i primi sequestri sul litorale friulano
Controlli a tappeto: scattano i primi sequestri sul litorale friulano (Adobe Stock)

GRADO – A Grado sono scattati i primi sequestri. I controlli effettuati nelle giornate passate erano volti a verificare la regolarità dei venditori ambulanti e dei negozi, in particolare quelli che si trovano adiacenti nell’area pedonale: sono stati verificati la posizione lavorativa dei dipendenti e il rispetto delle autorizzazioni amministrative e delle norme igienico sanitarie.

I controlli
Le forze dell’ordine – in particolare la polizia amministrativa, gli agenti squadra mobile e dell’ufficio immigrazione di Gorizia e del commissariato di Monfalcone, i carabinieri, la Guardia di finanza e la polizia municipale di Grado, che operano in sinergia – hanno già riscontrato alcune irregolarità, in particolare relative all’occupazione abusiva del suolo pubblico, oltre i limiti, all’esercizio dell’attività di artista di strada, senza licenza. Ma non solo gli agenti - come chiarito da Il Gazzettino - hanno anche trovato chi commerciava su strada con licenza ma fuori dagli spazi definiti o in totale assenza di licenza. In questo secondo caso è scattato il sequestro della merce.

In futuro
Le operazioni di controllo proseguiranno per tutto il periodo estivo e si estenderanno alla verifica della regolarità fiscale e all'anticontraffazione dei marchi. Inoltre, particolare attenzione è posto agli episodi di disturbo alla quiete pubblica e ai minori, per il consumo di alcolici e di stupefacenti.